Belgio, il Paese degli Azzeccagarbugli

Redazione - 14 agosto 2013

Le piste d'atletica del Mondo sono italiane ma maltrattiamo lo sport

Redazione - 14 agosto 2013

Aigues-Mortes, il massacro degli italiani

Redazione - 14 agosto 2013
empty image
empty image

aiguesUn gruppo di immigrati stranieri arrivati per cercare lavoro. L’accusa di rubarlo ai residenti. E la vendetta. Un pogrom. Dieci, quattordici, alcune fonti dicono novanta morti. Quando gli immigrati eravamo noi.

Il 17 agosto di quest’anno ricorre il 120° anniversario dell’eccidio che ad Aigues-Mortes nel 1893 costò la vita ad almeno  dieci immigrati italiani e il ferimento di un centinaio di essi, vittime innocenti della follia xenofoba. Il Collettivo cittadino “Gardarem lo Pagnol” ha deciso di commemorare le vittime e anche quegli abitanti che, da“Giusti”, ebbero il coraggio di difendere e proteggere gli italiani in una giornata con questo programma:

–         Ore 11, Place Saint-Louis: lettura e posa di una pergamena in omaggio ad Adélaïde Fontaine che in quei luoghi protesse gli italiani e salvò la vita a parecchi di loro.

–         Ore 11,30, Tour de la Reine: lettura e posa di una pergamena in ricordo delle vittime del massacro che avvenne davanti alle mura.

–          Ore 17, “Regards croisés”, conferenza dibattito tra lo storico italiano Enzo Barnabà, autore di “Morte agli italiani!”,  (autore anche de Il partigiano di piazza Martiri) Infinito edizioni, (e di “Mort aux Italiens!”, Editalie, 2012) e lo storico francese Luc Martin, autore di “L’Eté de la colère”, Grau-Mots, 2012.

«Il libro di Enzo Barnabà è una boccata d’ossigeno. Perché solo ricordando che siamo stati un popolo di emigranti vittime di odio razzista, come ha fatto il vescovo di Padova denunciando “segni di paura e di insicurezza che talvolta rasentano il razzismo e la xenofobia, spesso cavalcati da correnti ideologiche e falsati da un’informazione che deforma la realtà”, si può evitare che oggi, domani o dopodomani si ripetano altre cacce all’uomo. Mai più Aigues-Mortes. Mai più»
(dalla prefazione di Gian Antonio Stella)

Il massacro del 1893 è stato, sia in Francia che in Italia, largamente rimosso e spesso, morteagliitalianiperché scomodo, volutamente ignorato. Le manifestazioni del 17 agosto 2013 ad Aigues-Mortes vogliono costituire una giornata franco italiana di riconciliazione della memoria che renda omaggio alle vittime e sottolinei il valore della tolleranza.

 

Di Enzo Barnabà leggi anche Il partigiano di piazza Martiri

Leave a comment

*