Working Title Film Festival 4, ecco i 20 film in concorso

Redazione Padova - 10 Settembre 2019

Quanto costa viaggiare negli Stati Uniti?

Redazione Padova - 10 Settembre 2019

Al Children’s Museum Verona con le mani i bimbi scoprono il mondo

Redazione Padova - 10 Settembre 2019
Nimble Fingers al Working Title Film Festival 4

Il Nordest ha finalmente il suo cuore che batte fra scienza e curiosità, fra emozioni e divertimento. Dieci giovani esploratori infatti hanno varcato per primi, esattamente alle ore 10 del 10 settembre, la soglia del Children’s Museum Verona. E sembrava quasi avessero in mente le parole di Albert Einstein: «La cosa importante è non smettere di porre delle domande. Mai perdere il gusto di una sacra curiosità». Nelle espressioni meravigliate e nel desiderio appassionato di scoprire il museo da parte dei dieci bimbi selezionati quali vincitori di un contest veicolato dalla pagina Facebook del CMV, si è potuto decisamente capire il senso del claim della struttura: «Il potere della curiosità». Children’s Museum Verona è un progetto di Pleiadi, realtà che coltiva e comunica la passione per la scienza a famiglie e bambini con metodi innovativi, che ha come partner principale Fondazione Cariverona.

Children’s Museum Verona è il primo progetto del genere a Nordest. Si trova in via Santa Teresa 12, nell’area degli ex Magazzini Generali del capoluogo scaligero. Mille metri quadrati su due piani, un percorso che si snoda su aree diverse, attraverso esperienze emozionali e immersive. Acqua e aria, musica e colori, luce e arte: leve e prospettive diverse, così come mutano i modelli pedagogici pensati ad hoc per le varie fasi evolutive del bambino. Il primo tour dei dieci ambassador ha mostrato in pratica quello che rappresenta Children’s Museum Verona: movimento e divertimento, proprio come insegna l’educazione informale.

«Uno spazio moderno e attuale a misura di famiglia – spiega il sindaco di Verona Federico Sboarina –, ma anche un museo interattivo dedicato al gioco e alla sperimentazione dei più piccoli, oltre ad un perfetto esempio di rigenerazione urbana. Il Children’s Museum rappresenta tutto ciò. Ecco perché siamo orgogliosi di inaugurare questa nuova struttura, la prima di tutto il Nordest, e di aprirla alla città. Ringrazio il Gruppo Pleiadi e Fondazione Cariverona per aver creduto in questo grande progetto, ispirato alle migliori esperienze internazionali del settore».

«Il sostegno attivo di Fondazione Cariverona a Children’s Museum s’inserisce in una consolidata attenzione istituzionale alle sfide molteplici e cruciali poste dall’education. – commenta il presidente di Fondazione Cariverona Alessandro Mazzucco – Children’s Museum vuole offrire opportunità di conoscenza e formazione modulate sui livelli di apprendimento di età infantili, integrate con la interpretazione libera, giocosa propria dell’intelletto vivace dei fanciulli, di qualità garantita da competenza scientifica: è una missione di forte significato civile, rivolta alle nuove generazioni di una società fondata sulla conoscenza quale base fondamentale dello sviluppo sociale, culturale ed economico».

«Divertimento, voglia di conoscere e tanta curiosità. La risposta dei primi bimbi entrati al Children’s Museum è la rappresentazione più efficace delle potenzialità di un luogo dove l’esperienza la fa da padrona – spiegano, poi, Lucio Biondaro e Alessio Scaboro, co-founder di Pleaidi e rispettivamente direttore operativo e scientifico di Children’s Museum Verona –. Una visita da cui i giovani portano a casa stupore e nozioni, iniziando così, tassello dopo tassello, a crearsi quel bagaglio culturale che risulterà, poi, fondamentale per la loro vita. Non nascondiamo il nostro orgoglio nell’aver realizzato una struttura moderna e ad alto tasso di innovazione. Siamo certi renderà ancora più attrattiva una città già così affascinante quale è Verona».

ALL’INTERNO DI CMV

Entrando – rigorosamente senza scarpe – in CMV tutti i sensi del bambino vengono attivati. Ci sono i colori, vividi, i profumi, diversi. O la musica (e i rumori bianchi), concilianti. Aree diverse per un continuum di divertimento e di scoperte. Salendo al primo piano si arriva al cuore della struttura: la «live experience», open space immersivo dove i ragazzi avranno modo di cimentarsi in discipline differenti che si fondono in unico processo formativo. Ovvero «STEAM education», con l’acronimo che raccoglie Science, Technology, Engineering, Art, Mathematics. Una filosofia educativa internazionale, così come Children’s Museum Verona è una realtà che guarda alle migliori esperienze a livello mondiale. Per questo motivo la struttura è entrata a far parte di Hands On! – International Association of Children’s Museums, la rete mondiale che riunisce le più importanti strutture dedicate ai bambini. C’è spazio anche per la sensory room: un’area particolarmente indicata per bambini iperattivi o con forme di autismo, un luogo dove si interagisce con immagini virtuali attraverso il movimento.

Al piano terra si trova il ThinkLab, spazio interattivo che mette insieme laboratori e didattica attraverso attività scientifiche dove la manualità la fa da padrona. Meccanica e falegnameria, robotica e scrittura creativa convivono assieme, sulla scia di quanto succede all’Exploratorium di San Francisco, seguono il metodo dell’apprendimento informale. Un’area che si è potuta realizzare anche grazie a Funder35, un bando promosso da più fondazioni bancarie, con il patrocinio dell’Acri – Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa – rivolto alle organizzazioni culturali senza scopo di lucro composte in prevalenza da under 35.

Children’s Museum Verona nasce grazie anche alla sponsorizzazione di Glaxo Smith Kline, azienda internazionale leader nel settore farmaceutico, all’importante educational partner inlingua Verona e Programma Doppio Diploma. È, inoltre, tra i beneficiari del POR-FESR 2014-2020 – il Programma Operativo Regionale del Veneto per la crescita sociale ed economica delle imprese finanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale. Pleiadi è stata supportata da UniCredit con un finanziamento erogato nell’ambito della propria Social Impact Banking, il programma per il sostegno di imprese e iniziative sociali che generano impatto concreto e misurabile sul territorio. CMV è patrocinato dal Comune di Verona e dalla sua quinta circoscrizione. Ha il supporto di Patrizia Real Estate. Sponsor tecnici sono: Serpelloni s.p.a., Impresa Edile Lonardi s.p.a, Gelmini Cav. Nello s.p.a, Fedrigoli Costruzioni s.p.a, Performance iN Lighting s.p.a e Staart Architects. Communication partner è Studio27.

L’11 SETTEMBRE APERTURA AL PUBBLICO

Dopo il tour inaugurale per i 10 vincitori, autorità e giornalisti, spazio al pubblico. Da mercoledì 11 settembre CMV apre i battenti a tutti. Children’s Museum Verona sarà aperto dal martedì alla domenica (8.30-18 fino al venerdì, 9-19 sabato, domenica e festivi).

La visita costerà 5 euro per i bambini fino a 3 anni (gratis per chi ha meno di un anno), 9 euro per i bambini dai 3 anni in su. Gli adulti accompagnatori pagheranno 8 euro e sono previsti sconti per gruppi, scolaresche e abbonamenti. Maggiori info sul sito www.cmverona.it

foto Carolina Zorzi