Giovani promesse, al Bo Tapparelli e il vincitore del Campiello Opera Prima

Redazione - 1 giugno 2018

Da Este all’Ariston: band padovana a Sanremo Rock

Redazione - 1 giugno 2018

Raccontare il quartiere Ferrovieri: un bando per giovani registi a Vicenza

Redazione - 1 giugno 2018
tapparelli
IMG-1881
finestra_ferrovieri-elaborazione

L’associazione Lies – Laboratorio dell’inchiesta economica e sociale promuove un bando di concorso rivolto a registi/e under 35 residenti in Italia nell’ambito di “Working Title Film Festival @ Ferrovieri”, progetto risultato tra i vincitori del Bando Sillumina – Periferie Urbane (2017), Settore Cinema, sostenuto da SIAE e MIBACT.

L’obiettivo del bando è duplice. Da un lato, selezionare tre giovani filmmaker residenti in Italia che racconteranno con dei cortometraggi documentari, da realizzare fra l’autunno e l’inverno 2018, il quartiere dei Ferrovieri a Vicenza e il suo rapporto con il lavoro. Ai registi che realizzeranno i corti sarà riconosciuto un compenso di 1000 euro lordi.

Dall’altro, selezionare alcuni film, realizzati sempre da registi under 35 residenti in Italia, sul tema del lavoro in rapporto alle periferie urbane, in senso geografico, ma anche sociologico, da proiettare nel corso della rassegna cinematografica.

I film realizzati dai tre filmmaker e quelli selezionati tramite il bando saranno proiettati nel corso di una rassegna cinematografica che sarà organizzata all’inizio del 2019.

Le attività si svolgeranno nel quartiere dei Ferrovieri di Vicenza, principalmente al Centro sociale Bocciodromo e alla Camera del lavoro della Cgil.

ferrovieri_case_light

Candidature fino al 1 settembre

I candidati hanno tempo fino al 1 settembre 2018. Entro quella data devono inviare all’email info@workingtitlefilmfestival.it la documentazione indicata a questo link sul sito di Working Title Film Festival. Il progetto si configura come un’espansione di Working Title Film Festival – festival del cinema del lavoro, che si celebra a Vicenza dal 2016, e prosegue idealmente il “Laboratorio Ferrovieri”, un’inchiesta partecipata sul/con il quartiere, realizzata nel 2012, i cui risultati sono pubblicati su questo blog.

Laboratori, residenza artistica e rassegna

Il progetto si articola in tre fasi che operativamente si svolgeranno fra l’autunno 2018 e i primi mesi del 2019.

La prima fase, nei fine settimana di ottobre, sarà un programma di seminari–laboratori multidisciplinari sul quartiere dei Ferrovieri di Vicenza, fra cui anche una passeggiata esplorativa. Una serie di incontri con esperti e cittadini, aperti a tutta la cittadinanza per ripercorrere la storia di un quartiere, quello dei Ferrovieri, sorto ai primi del Novecento come insediamento per gli operai dell’Arsenale ferroviario, e che ha visto poi nascere nel suo cuore la fabbrica Lanerossi, ora abbandonata e in attesa di una riconversione, e a poca distanza la nuova Zona Industriale della città. Ma l’obiettivo è anche quello di “mappare” le nuove attività, i nuovi abitanti e i nuovi problemi che il quartiere ha oggi.

Per questi incontri Lies si avvarrà del supporto di alcune associazioni e istituzioni del territorio: Giovani dei Ferrovieri, EQuiStiamo APS, Cgil Vicenza, Arci Servizio Civile Vicenza, Legambiente Vicenza, e LabOr – Laboratorio di Storia Orale dell’Università di Padova e di eventuali altre realtà del territorio.

La seconda fase è una residenza artistica nel periodo ottobre-dicembre 2018 per 3 registi/e under 35 che, dopo aver partecipato agli incontri della prima azione, dovranno realizzare ognuno un cortometraggio documentario (di una durata compresa tra i 15′ e i 30′) sul quartiere, a partire anche dagli spunti e dai temi emersi durante i laboratori della prima fase.

La terza e ultima fase è una rassegna cinematografica che si svolgerà tra gennaio e febbraio 2019, in cui verranno presentati, oltre ai cortometraggi frutto del lavoro in residenza artistica, alcuni film di registi under 35, sempre selezionati tramite il bando, che indaghino il rapporto tra lavoro e spazi urbani con particolare attenzione per le realtà periferiche, in senso geografico, ma anche sociologico.