In Lorena il festival del cinema italiano

Redazione - 1 ottobre 2012

Bosnia, la strada del ritorno: un documentario

Redazione - 1 ottobre 2012

Bekim Fehmiu. L'Ulisse venuto dai Bacani

Redazione - 1 ottobre 2012
empty image
empty image

Sì è aperta oggi a Trento alle Gallerie di Piedicastello l’esposizione dedicata all’artista kosovaro-albanese e jugoslavo Bekim Fehmiu, che arriva in Italia dopo una tourneé che ha toccato varie città della penisola balcanica, tra cuiPejë/Peć, Belgrado, Sarajevo, Prijedor, Prizren.

La mostra rientra tra le attività di cooperazione sostenute dall’Associazione Trentino con i Balcani da oltre quindici anni, in particolare con le comunità di Prijedor in Bosnia-Erzegovina, Kraljevo in Serbia e Pejë/Peć in Kossovo. La realizzazione dell’evento scaturisce da un percorso partecipato con numerosi volontari dei tre territori dove l’Associazione lavora.

L’idea è nata dagli stessi volontari, i quali hanno voluto trasmettere attraverso la figura di Bekim Fehmiu un esempio di fierezza e rispetto per le tante identità che ognuno di noi porta con sé, senza trasformarle in chiusura nazionalistica o negazione dell’altro.

Attraverso l’elaborazione del passato, del presente e del futuro, questa mostra si fonda sull’impegno di tutti i partecipanti nell’incentivare un dialogo reciproco e uno scambio di esperienze tra le varie comunità.

Bekim Fehmiu, nasce nel giugno del 1936 a Sarajevo da una famiglia kossovara albanese costretta all’esilio. Cresciuto a Scutari e poi a Prizren, studia a Priština e Belgrado dove prenderà casa con la moglie. Nel 1956, è il primo albanese ad iscriversi all’Accademia d’Arte Drammatica di Belgrado. Dal 1962 comincia anche a lavorare nel mondo del cinema e ad ottenere importanti riconoscimenti in Jugoslavia, in Europa e America. La svolta nella sua carriera avviene nel 1967 quando interpreta lo zingaro Bora in Ho incontrato anche zingari felici. Successivamente inizia le riprese per L’Odissea (sceneggiato televisivo trasmesso dalla RAI alla fine degli anni ’70) e lavora ad Hollywood, collezionando premi e riconoscimenti. Nonostante la crescente fama in Italia e oltreoceano, resta orgoglioso albanese in Jugoslavia e jugoslavo nel mondo. Prima che la sua Itaca dei Balcani sia insanguinata dalle guerre, si ritira dalle scene in segno di protesta contro i crescenti nazionalismi.

Appuntamenti legati alla mostra

28 ottobre 2012, ore 17:00 – Incontro-spettacolo “Bekim Fehmiu. Dalla Jugoslavia a Hollywood il viaggio dell’Ulisse venuto dai Balcani

INFO:
Associazione Trentino con i Balcani
Via Milano 120 – 38100 Trento
telefono: 0461 223224

Leave a comment

*