La montagna? S’impara con il videogioco gratuito del Cai

Rebecca Travaglini - 24 novembre 2017

Imprenditori veneti a confronto con Masaaki Imai, guru del miglioramento continuo Kaizen

Rebecca Travaglini - 24 novembre 2017

Smascherare le bufale in 6 ore: a Padova e Rovigo riparte “Fare ricerca, mai così facile!”

Rebecca Travaglini - 24 novembre 2017
cai_adventure
kaizen
bufale

Chiedendo agli alunni di una classe quali concetti evochi loro la parola “ricerca”, fra i più gettonati ci sono “Internet” e “Wikipedia”. Solo qualcuno avanza timidamente anche “libri” o “enciclopedie”. La Rete ha senza dubbio rivoluzionato il modo di fare ricerca: non solo è aumentata a dismisura la quantità di informazioni a disposizione, ma anche l’accesso all’informazione stessa è molto più semplice. Districarsi in questo universo non è impresa da poco, e per farlo serve un’educazione che cominci prima di tutto dalla scuola. Per questo a Padova e Rovigo sta per partire la quinta edizione di “Fare Ricerca, mai così facile!”, progetto nato con l’obiettivo di insegnare ai più giovani come valutare l’attendibilità delle fonti, come usarle in modo consapevole, come approcciarsi ai social media senza il rischio di incappare nelle bufale online.

“Fare Ricerca” è stato ideato e realizzato dall’Associazione Alumni della Scuola Galileiana di Studi Superiori di Padova a partire dall’anno scolastico 2013/2014, all’interno di “Attivamente”, iniziativa promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo per lo svolgimento di interventi didattici all’interno delle scuole di ogni ordine e grado. Sono 151 le classi che si sono aggiudicate il bando e hanno usufruito del progetto nel corso delle passate edizioni.

I numeri di “Fare Ricerca, mai così facile!”

Numeri di tutto rispetto per la nuova edizione del progetto anti bufale. Sono 40 i percorsi in partenza, (20 a Rovigo e 20 Padova) e coinvolgeranno 32 docenti e 30 scuole (di cui 5 elementari, 13 medie, 12 superiori), per un totale di 849 studenti. I numeri sono il doppio di quelli dell’anno scorso, quando i percorsi erano 22, i docenti 16, le scuole 14 e gli alunni 483. Significativo è anche il numero di richieste ricevute quest’anno, che purtroppo non hanno potuto essere accolte tutte: 265.

Nello specifico sono quattro i percorsi didattici offerti dal progetto, tenuti da 2 operatori e strutturati ognuno in 3 incontri da 2 ore ciascuno:

  • Chi cerca, trova! Alla scoperta di fonti misteriose: per le classi IV e V della scuola primaria;
  • System Error: File Not Found: per le classi II e III della scuola secondaria di I grado;
  • L’ha detto in Einstein! Ricerca in classe e metodo scientifico: per tutte le classi della scuola secondaria di I grado;
  • Questa è la mia ricerca: introduzione al pensiero critico: per tutte le classi della scuola secondaria di II grado.

Gli interventi vengono personalizzati sulle esigenze della classe, e si svolgono in modo dinamico, alternando momenti di lezione frontale a esercitazioni. Agli studenti viene consegnato materiale didattico appositamente preparato, oltre al “Manuale del Ricercatore”, per esercitarsi a valutare le fonti e a riconoscere le bufale.

Il valore per il territorio

«L’Associazione ha puntato molto negli ultimi anni sui servizi didattici – sottolinea Matteo Camelia, Presidente dell’Associazione Alumni della Scuola Galileiana –: desideriamo restituire al territorio le competenze critiche e scientifiche maturate grazie alla Scuola Galileiana, alimentando nei ragazzi la passione per la ricerca e il valore dell’eccellenza. Fare Ricerca è un progetto chiave fra quelli offerti sul territorio veneto: la quantità di richieste inoltrate ogni anno dai docenti delle scuole di Padova e Rovigo ci rende orgogliosi e ci incoraggia a continuare su questa strada».

Leave a comment

*