Cluj-Napoca: cantiere (religioso) a cielo aperto

Redazione Padova - 8 maggio 2014

Il primo Pride di Cipro

Redazione Padova - 8 maggio 2014

IT.A.CÀ,festival del turismo sostenibile, ecco il programma

Redazione Padova - 8 maggio 2014
empty image
empty image

Dal 30 maggio all’8 giugno, a Bologna e in altre città dell’Emilia-Romagna, la sesta edizione del festival del turismo responsabile. Un’occasione per scoprire un nuovo modo di viaggiare perché “l’esotismo è dietro l’angolo”, parola del direttore artistico Pierluigi Musarò. Per la prima volta un concorso valorizza le idee più innovative per la salvaguardia del patrimonio artistico locale. Ed ecco disponibile il programma degli eventi. 

Itaca 23_Trekking_ridDieci giorni di eventi, contest, educational e laboratori nel cuore delle città alla scoperta dei loro segreti. E poi trekking, biciclettate, cinema, fumetti, tradizioni enogastronomiche e anche un premio per le idee più innovative a salvaguardia del patrimonio locale. Non mancherà nulla in questa sesta edizione del Festival “IT.A.CÀ – Migranti e viaggiatori”, in calendario dal 30 maggio all’8 giugno a Bologna e in altre città dell’Emilia-Romagna. Il festival avrà la struttura di un ‘triangolo tematico’ i cui vertici saranno Parma, Rimini e Ferrara. Si estenderà dal nord al sud dell’Alta via dei Parchi e lungo il delta del Po: una manifestazione in movimento che, a partire dai tre angoli confluirà su Bologna per gli appuntamenti nel weekend clou dal 6 all’8 giugno.

A oggi, il turismo è la quarta causa di inquinamento ambientale e le forme di turismo che si stanno sviluppando negli ultimi anni – crociere, viaggi aerei, vacanze ‘all inclusive’ – sono le meno sostenibili. Ma secondo IT.A.CÀ, il viaggio può essere diverso: una scoperta lenta, a piedi, in bicicletta o a cavallo, alla ricerca di angoli d’Italia poco noti, ma incredibilmente affascinanti e autentici. Non solo: “IT.A.CÀ vuole essere un momento di riflessione sui ‘viaggi corti’, nel proprio territorio, dentro la propria città, per entrare in contatto con la sempre maggiore diversità etnica e culturale, per vivere l’emozione del viaggio, ma senza per forza dover andare lontano” racconta Pierluigi Musarò, direttore artistico di  IT.A.CÀ  e docente di Sviluppo sostenibile, cittadinanza attiva e turismo responsabile all’Università di Bologna. “Il viaggio responsabile parte da casa e arriva a casa – continua –: una qualsiasi casa, una qualsiasi ‘Itaca’ (‘it a cà’, ‘sei a casa?’ in dialetto bolognese) da raggiungere, dove più che la destinazione conta il percorso e il modo in cui ci si mette in cammino”.

Premi e contest

Quest’anno prende il via la prima edizione del Premio turismo sostenibile dedicato alla valorizzazione e la salvaguardia del patrimonio culturale, artistico e naturale bolognese. Un premio in denaro per riconoscere e promuovere le migliori pratiche nel campo del turismo responsabile e sostenibile, legato al territorio e alle sue specificità artistiche e culturali.

Il riconoscimento è aperto sia alle persone fisiche che alle persone giuridiche (tour operator, aziende, consorzi, associazioni, comunità, onlus) che offrono proposte di Itaca 15_ridturismo nel territorio di Bologna e provincia (Itinerari, visite guidate, eventi, festival, sagre, rassegne, pacchetti di turismo) rispettose di ambiente, comunità, arte e cultura. Due le sezioni: turismo culturale e turismo enogastronomico. Alle due migliori prassi (progetti già realizzati) e alle due idee più innovative (progetti da realizzare) di ogni sezione andrà un contributo di 5.000 euro, da spendere per la promozione e la comunicazione dei progetti stessi. Oltre ai 4 vincitori, riceveranno una menzione speciale i primi 5 progetti classificati, consistente in una consulenza tecnico-formativa focalizzata sugli strumenti e le strategie di promozione.

Il programma

Dal 30 maggio IT.A.CÀ  sarà mostre e rassegne cinematografiche sul viaggio e la sostenibilità; biciclettate, come quella che da Cesena partirà in direzione di Rimini, con la possibilità di salire su un battello e navigare verso il delta del Po; trekking come quello sul percorso Alta via dei Parchi; letture e convegni a tema in vista di Expo 2015; workshop; tanta musica; pranzi a chilometro zero e cene esperienziali. Perché, come diceva Konstantinos Kavafis, poeta e giornalista greco, “Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, fertile in avventure e in esperienze”.

Per informazioni:

IT.A.CÀ, e-mail info@festivalitaca.net, sito www.festivalitaca.net, Fb www.facebook.com/itacafestival

Leave a comment

*