REDAZIONE

Hanno scritto. Scrivono. Scriveranno:

Fatima Abbadi Fotografa free lance Italo-Giordana Palestinese nata e cresciuta ad Abu Dhabi nel 1978. Da più di cinque anni porta avanti un progetto personale intitolato “Women Through my Lens” . Questo suo lavoro sulle donne sono un insieme eclettico di diverse scene nella loro vita quotidiana sia in Europa che in Medio Oriente, Fatima Abbadi scatta le sue fotografie con il metodo tradizionale analogico ed utilizza pellicola in bianco e nero. Lo sviluppo avviene in camera oscura. Contatti: info@fatimaabbadi.com www.fatimaabbadi.com fatimaabbadi.blogspot.co.uk

———–

Enrico Albertini. Giornalista, o meglio cronista. Nato trent’anni fa, si è laureato, lavora e vive a Padova

———–

Gianmarco Alvisi. Dopo il Bachelor in comunicazione aziendale, attualmente frequento la passerella per il Master in business administration SUPSI. Per un anno e mezzo ho lavorato in  una società di revisione contabile e da circa due mi occupo di comunicazione e project management per un’associazione svizzera che promuove la ricerca e l’aggiornamento professionale nel campo digitale. Appassionato dell’ecosistema delle startup innovative e dei nuovi modelli di business sociali che la rete permette, intendo acquisire maggiori competenze nella gestione dell’innovazione. Nel tempo libero cerco di non perdere occasione per salire sul primo aereo, bere del buon vino  e tornare dagli amici di sempre.

———–

Teodor Amarandei Nato a Brasov (Romania), padovano d’adozione, è laureato in scienze politiche presso l’università di Bucarest. Ha continuato gli studi post-universitari a Cagliari e Padova. Ha avuto una breve esperienza giornalistica in Romania e attualmente lavora nel settore bancario. Mail: padova_ro@yahoo.it

———–

Giulia Bardorilli. Sono Giulia e ho 23 anni. Mi piace dire che sono dell’ottantanove: conserva ancora quel fascino incontaminato, un po’ retrò, degli anni ottanta. Vengo da una piccola città delle Marche, in provincia di Ancona, dove torno pochissimo, sempre di più come turista. Mi sono laureata a settembre 2011 in Scienze internazionali e diplomatiche ed ora frequento la magistrale di Mass Media e Politica (“E cosa farai dopo..?”). Vivo a Forlì da cinque anni e nonostante la gente si ostini a dire che “a Forlì non c’è mai niente da fare” io ho trovato qui il mio equilibrio. L’anno scorso di punto in bianco ho iniziato a scrivere qualcosa, poesie più che altro. Qualcuno mi ha poi detto che “non riusciva a capire le poesie” e allora ho iniziato a scrivere racconti, appunti di viaggio e di vita. Salvo tutto in una cartella che ho chiamato “Scarabocchi” in attesa di un’ispirazione con un nome migliore.

———–

Luca Barbieri Giornalista padovano, lavora come redattore al Corriere del Veneto da tot anni, attualmente al Corriere di Verona come caposervizio. Ha il pallino per gli esteri e il viaggio. Tifa calcio Padova. E coordina questo sito. mail: anordestdiche@gmail.com

———–

Riccardo Bastianello. Tutto inizia da una reflex e da un corso di fotografia a due passi dall’università. Ma la costanza non è mai stato il mio forte. E così al primo incarico importante (Associated Press) mi ero già stancato di questo hobby-professione. Inizio così a scrivere. Di tutto e per chiunque. Gazzettino, qualche tv locale, siti internet. Dopo una parentesi come produttore di documentari, sono oggi approdato al Corriere del Veneto e a Panorama. Ma da sempre inseguo (con fortune alterne) il sogno di lavorare viaggiando. bastianello.riccardo@virgilio.it

———–

Stefano Battain, per gli amici Teto, professione maestro di sci, a tempo perso operatore umanitario in Africa…Scienze della Comunicazione a Padova, poi Erasmus in Svezia, 6 mesi di scoperta dell’America Latina fra Paraguay, Bolivia, Perù, Argentina e Cile, volontariato in India con annesso viaggio fra India e Nepal, Master in Gestione dello Sviluppoe  riduzione della Povertà a Birmingham e poi l’Africa, dapprima un lungo soggiorno in Tanzania fra palme, spiagge bianche, animali famosi e capanne di fango ora in Sud Sudan nei campi profughi di Pariang, Nyeel e Yida. Le mie Notas de viaje: www.stefanobattain.blogspot.com per qualsiasi domanda, insulto e pernacchia: stefanobattain@yahoo.it

———–

cami

Camilla Bonetti. “Farai e disferai in continuazione il tessuto della tua vita, in attesa di trovare la sola esistenza che ti possa appartenere davvero”. Avevo dieci anni quando ho letto questa frase, non ricordo in quale libro. E’ la migliore descrizione di me che si possa fare. Dopo il liceo classico ho fatto il primo vero viaggio, un mese in Sudafrica da sola. Conquistata da quanto ci potesse essere oltre la mia culla tra le Alpi, mi sono iscritta a Relazioni Internazionali. Ho studiato cinese per due mesi a Pechino, ma il fascino dell’Oriente non poteva essere la mia vita. Dopo mesi alla ricerca di un nuovo luogo di cui innamorarmi, mi sono innamorata di un compagno di corso. Con lui è partita la nuova avventura: cinque mesi fa ci siamo trasferiti a Bergen, Norvegia, e lentamente il Grande Nord mi è entrato nel cuore.  Sono italiana curiosa per nascita, testarda valsesiana nell’anima e, lentamente, una parte norvegese comincia a crescere in me. Quindi potrei definirmi..norvegiana. Ho iniziato a scrivere usando una Olivetti Valentine rossa e da allora non ho mai smesso. Dopo mille progetti di romanzo, tutti abbandonati, ho deciso di dedicarmi a testi più brevi per raccontare ciò che succede qui a Nord, cosa passa nelle teste dei norvegesi e cosa può capirne una norvegiana. norvegiani.wordpress.com

———–

BORTOLETTO

Nicolò Bortoletto. Classe 1987, laurea in economia degli scambi internazionali. Mi trovo in India per volontariato, ma non solo. Sono alla ricerca di comprendere quale siano le vere cause di questa crisi che definirei dell’uomo più che economica. Nella spiritualità orientale vedo uno spunto per riscoprire antichi, ma sempre validi, valori. Credo che una necessaria rivoluzione debba iniziare dentro ognuno di noi, altrimenti come nel Gattopardo tutto continuerà a cambiare affinchè nulla, realmente, cambi. Altri pensieri a riguardo (e non) li trovate su www.the-rock.it

————-

Nicola Brocca. Padovano di nascita, €urop€o per €l€zion€, si è occupato di linguistica e migrazioni tra Francia, Germania e Romania. Finchè un giorno a Istanbul, passando per il granbazar ne è rimasto intrapolato e -se ne frattempo non è uscito- vive ancora lì dentro. Da qui ha iniziato a scrivere articoli ben sapendo che mai si sono raccontate più fesserie che prima delle elezioni, dopo la pesca e al granbazar. nicetaconiate@yahoo.it

———–

Mauro Buffa autore del libro Sulla Transiberiana (Ediciclo Editore). Ha scritto per A nord est di che un reportage sul suo viaggio in Moldavia e Transnistria e uno su Odessa e Yalta.

———–

Paola Cairo, giornalista romana, ha vissuto a Barcellona e a Strasburgo. Dal 2002 vive in Lussemburgo, dove ha fondato (con la collega milanese Maria Grazia Galati) il mensile italiano PassaParola Magazine (anche online su www.passaparola.info). Scrive su tematiche sociali, europee, diritti umani, intercultura, immigrazione. Dal 2008 fa parte della redazione di Voices, trasmissione in lingua italiana su Radio Ara (in streaming il sabato dalle 10 alle 11 30 su www.ara.lu). Per contattarla: paola@passaparola.info

———–

Ilaria Casini, 19 anni sangue fiorentino, vita altoatesina, aspirazioni francesi, curiosità mondiali. Per qualche motivo l’idea di abitare in un posto per più di uno/due anni per adesso non mi attrae. Attualmente resdidente in un sobborgo di Sydney con l’unica vera occupazione di trovare un modo per passare il tempo fino al giorno dell’immatricolazione universitaria, nel frattempo imparo a vivere all’australiana, anzi all’austrilaria.

———–

Rossella Cevese, antropologa. Vive a Padova e si barcamena tra un lavoretto e l’altro. Viaggia ogni volta che può, per curiosità, studio e ricerca. A Padova cerca di viaggiare attraverso le storie degli altri. Al momento collabora con Migranti Onlus nell’ insegnamento dell’ italiano a stranieri e nella tutela dei richiedenti asilo. E’ autrice del blog undelicatoincastro (undelicatoincastro.blogspot.it). Per contattarla: rossellacevese@alice.it

———–

Gustavo Claros. Giornalista italo-argentino free lance, conduttore radiofonico di LatinoAmericando (i podcast della trasmissione possono essere scaricati qui),  un programma sull’America Latina. E’ laureato in giornalismo e in scienze politiche. latinoamericando@gmail.com

———–

Luigi Cojazzi vive a Barcellona. Dopo le più svariate occupazioni, una permanenza in America Latina, la pubblicazione di un romanzo, negli ultimi anni ha lavorato principalmente come traduttore letterario. Recentemente ha curato un blog dedicato alla coppa del mondo di rugby, bufalimpazziti.blogspot.com, incredibilmente popolare a Singapore. Il sito è stato chiuso d’ufficio per eccesso di contatti subito dopo la vittoria degli All Blacks: luigeek@yahoo.it

———–

saracogliati

Sara Cogliati. Sara, milanese di nascita, dottorato in Biologia a Padova. Con la scusa di fare “la scienziata”, presto si trasferirà a Madrid. Nel frattempo ha deciso di regalarsi due mesi sabbatici per un ritorno in India dove cercherà di coniugare le sue due grandi passioni: lo yoga e la scienza. Sempre alla ricerca di quello che non ha ancora trovato, lo insegue su sentieri poco battuti.

———–

Giulia Comirato Anconetana, veneziana, padovana. Ho messo radici in molti luoghi. mi sento a casa a Nairobi, Addis Abeba e forse anche lungo le piste rosse del Sud Sudan. Ho lavorato per Medici con l’Africa Cuamm, un’ONG italiana che ha l’ambizioso obiettivo di rafforzare i sistemi sanitari dei paesi africani rendendo la salute un diritto per tutti. Il tempo libero lo passo con Karibu Afrika, l’associazione che mi ha portato per la prima volta a Nairobi e mi ha fatto crescere in questi anni

———–

Davide Dal Cengio. Nato a Vicenza nel 1988, laureato in Economia e Commercio all’Università di Padova, ed ora studente di Quantitative Finance all’Università di Bologna, dopo l’esperienza Erasmus a Praga di 2 anni fa, decide di ripetere lo stesso tipo di ‘avventura’. Stavolta lo studio lo porta nel sud della California, ad Irvine, capoluogo della più famosa contea di Orange County

———–

Silvia Fabbi. Nata a Vicenza, ha lavorato come giornalista a Padova. Dal 2010 vive a Bolzano dove scrive per il Corriere dell’Alto Adige. Blog: Südtirol, la frontiera che non c’è. Mail: silvia.fabbi@gmail.com

———–

Enrico Finucci Laureato in Comunicazione delle Organizzazioni Complesse presso l’Università degli Studi di Padova, ha studiato presso la Haagse Hogeschool (Paesi Bassi) e la Boston University (Stati Uniti). Nel 2011 ha usufruito di una Robert Schuman Scholarship per lavorare a Bruxelles presso il Parlamento Europeo, DG Communication. Sempre nel 2011 ha pubblicato, insieme a Giampietro Vecchiato e Luca Poma, il libro Crisis Management. Come comunicare la crisi: strategie e case history per salvaguardare la business continuity e la reputazione, edito da Il Sole 24 Ore. Attualmente effettua attività di consulenza e formazione in relazione pubbliche e comunicazione di crisi. È socio UNIFERPI, la sezione degli studenti e dei neolaureati della Federazione Relazioni Pubbliche Italiana.

———–

Nicola Fossella Fotografo per passione e per lavoro. Blogger per passione, per voglia di comunicare, raccontare, raccontarmi. Penso che uno scatto ben riuscito possa raccontare una storia, uno scritto appassionato possa far innamorare e renderla indimenticabile. Fotografia e scrittura ben frullate assieme saziano, senza fare ingrassare! http://nicolafossella.wordpress.com/

———–

Barbara Fragogna, artista veneziana, vive a Berlino. www.barbarafragogna.blogspot.com

———–

Martino Galliolo (ma.gal) giornalista, vive a Lisbona.  blog #radiolisboa radiolisboa@hotmail.com

———–

Elena Griffante, mix di Italia ed Egitto e parenti in tutto il mondo. Parla cinque lingue e se non parla e’ perche’ sta escogitando qualcosa. Classe? Q.b.

———–

Mattia Gusella_ ho 23 anni e una grande passione per la storia, sufficientemente grande da farmi abbandonare l’idea di fare ingegneria. Dopo un anno di università scopro il mondo dell’associazionismo e della rappresentanza studentesca che faticosamente convivono con lo studio. Così mi laureo nel dicembre 2010 e da questo settembre ho iniziato una laurea specialistica internazionale, chiamata TPTI (Tecniche, patrimonio e territori dell’industria), che mi porterà in 4 diversi paesi.

———–

Sassou C. Koussougbo Vengo dal Togo. Sono scrittore esordiente e ho già pubblicato due libri: ”Una vita da cani” (Altromondo editore) e ”Matilda” (Book Sprint edizioni). Ci sarà sicuramente un terzo libro in italiano.

———–

Francesca  Iannelli -  “Curiosare”  tra le cose, nei luoghi e nelle vite delle persone e poi raccontare quello che ho visto o che ho creduto di vedere… Ecco chi sono. Francesca – Fra per gli amici – giornalista specializzata in scienza e dintorni con la passione per la radio e per i viaggi.

———–

SAM_0961

Silvia La Mura è nata a Vicenza, e non ci è ancora morta.  Incapace di restare troppo a lungo ferma in un posto, alterna periodi di studio a viaggi in giro per il mondo. Per ora ha conquistato 8 nazioni in 2 continenti, e nessuna in prima classe. Su queste pagine racconta con molta ironia le sue avventure. Il suo sito è www.endoftherainbow.net

———–

Davide Lessi. Pratico con leggerezza il giornalismo, il calcio e il viaggio (se e quando posso). Colleziono multe per divieti di sosta immaginari. Collaboro con alcune testate e siti internet. Nasco nel 1985, sinistra Piave. Per l’università mi confino a Gorizia, a nordest del nordest. E lì, con un capanello di studenti, fondo il giornale Sconfinare (che ha anche un sito: www.sconfinare.net). Nel frattempo pubblico roboanti cronache di calcio giovanile e amatoriale su Il Piccolo di Trieste e partecipo al quotidiano euroregionale bora.la. Poi arrivo a Milano, per il praticantato alla Walter Tobagi. Domani? Chissà. Per ora amo l’Est e Obama, la mia cagna nera di quasi 4 anni. Contatti: davide.lessi@sconfinare.net; twitter: davide_lessi; tornacasalessi.wordpress.com

———–

Giovanni Lombardo vive da 11 anni a Singapore ed è un professionista dinamico, orientato ai risultati, con esperienza nella vendita & business development nei campi dell’enogastronomia ed in una vita precedente dell’industria di pelletteria e calzatura di lusso. Avendo viaggiato molto nel Mondo, si adatta velocemente alle sfumature culturali “locali” e gli attribuiscono un talento per la ricerca di soluzioni in un ambiente internazionale contemporaneo. Ha una natura amichevole, senza pretese e la capacità di parlare 8 lingue [Italiano, Greco moderno, Bahasa, la lingua parlata da 300 milioni di persone in Indonesia, Francese, Spagnolo, Tedesco e Portoghese] e di scherzare in altre 5. mail: gio.d.oltremare@gmail.com

———–

Alessandro Macciò. Nato tra le Alpi orobiche, cui lo legano gli affetti familiari, gli amici d’infanzia e una sfegatata passione per l’Atalanta, ha percorso l’Italia settentrionale in lungo e in largo. Alla fine si è stabilito a Padova, e dopo essersi laureato in Filologia moderna, ha pure deciso di rimanerci: attualmente collabora col “Corriere del Veneto” e vive a due passi dalla stazione, sempre pronto a saltare sul primo treno in partenza per nuovi altrove.

———–

Bruno Maran Nato a Padova ove vive e lavora, ha iniziato nel 1969 con esperienze nel campo della pubblicità e presso agenzie specializzate nell’automobilismo sportivo. Attualmente si occupa di fotografia sociale e reportage:  India del Sud, Sri Lanka-Tsunami 2004; nella ex-Jugoslavia in Bosnia, Croazia, Macedonia, Serbia e Kosovo. Dal 2001 è fotoreporter dell’agenzia Stampa Alternativa. Nel 2004 fonda con altri fotografi il Gruppo Controluce. Dal 2007 collabora con Radio Cooperativa.

———–

Luca Marchina vive a Nairobi (Kenya) da 5 anni e ancora non si capacita’ del perché. Vive con Elisa e con i bimbi Leonardo ed Amelia. 100 % bresciano. Cresciuto tra pallacanestro, scout e grandi maestri (Bud Spencer, Murdock dell’A-Team, Hanamichi Sakuragi e Tsubasa Ozora). Ha studiato Diritti Umani all’Universita’ di Padova ma nel lavoro utilizza maggiormente le conoscenze apprese come perito meccanico. Lavora nel mondo della cooperazione. Si reputa un pirata e si professa di religione pastafariana

———–


Lucia Mazzucato Nel 2001 ha conseguito il Master in Organizzazione dello Spettacolo dal Vivo con il Teatro Stabile del Veneto Carlo Goldoni, si è successivamente specializzata in Project Management presso la Fondazione Fitzcarraldo di Torino. Ha operato per diversi anni nell’ambito dell’organizzazione di eventi occupandosi in modo particolare della ideazione e programmazione. Nel 2005 fonda JobForArt ente di promozione e gestione di progetti nell’ambito dell’Arte Contemporanea, del Design e Architettura. Attualmente si occupa della gestione del sito web spacecoolhunting.eu

———–

Michele, ho 25 anni e vengo dalla provincia di Salerno. Attualmente studio e lavoro a
Bologna. Sono uno studente freelance di lingue e letterature straniere presso l’università
di Bologna. Ho vissuto un pò a Londra un pò a Budapest e a breve qualche città del nord
Europa mi ospiterà per una lunga latitanza. Quando non studio lavoro e quando non
lavoro fotografo, fotografo il mondo e quello che mi circonda. Viaggiare e fotografare è il
connubio perfetto per me. Spesso mi ritrovo a viaggiare con mezzi poco convenzionali,
quindi ho interesse e caparbietà nell’immortalare strane situazioni di viaggio. Con una
fotografia racconto una storia o è la storia che viene raccontata attraverso la fotografia.

——

Davide Miozzi Basso-veronese, ingegnere, nel 2009 lascia Padova e tutto il resto per avventurarsi tra le infinite dimensioni della capitale britannica. Si occupa ora di tecnologie navali e vita al di sopra delle proprie possibilità psicofisiche. Il suo blog: http://londonbuffet.wordpress.com/

———–

Alessandra Mocco nasce nel 1982 a Iglesias, nel Sulcis Iglesiente. Studia presso la Facoltà di Scienze Politiche, nel Corso di  Cooperazione e Sviluppo, all’Università di Cagliari e lavora come volontaria per la diffusione del mercato equo e solidale. Si laurea nel 2008 con una tesi riguardante l’educazione scolastica in Etiopia ed Eritrea durante l’occupazione italiana. Da sempre appassionata di cultura africana, nel 2010 lavora come volontaria presso l’Organizzazione “Adpp” , in Mozambico. Per sei mesi vive a Lamego, piccolo villaggio situato nel Distretto di Nhamatanda, nella provincia di Sofala. Si occupa dell’attività d’insegnamento presso una scuola professionale e nel tempo libero lavora presso il centro comunitario del villaggio.  Decide, insieme a due amici, di costruire un piccolo dormitorio presso il centro, ospitante 72 bambini orfani. Lascia il Mozambico dopo avere denunciato per abusi sessuali sulle alunne alcuni insegnanti della scuola presso la quale lavorava.  Attualmente sta scrivendo un libro che racconta la sua esperienza di sei mesi vissuti in Mozambico e in particolare i fallimenti della cooperazione internazionale.

———–

Marco Mostallino (marco61m@alice.it), nato a Cagliari nel 1961, è fotografo e giornalista. Ha lavorato a L’Unione Sarda, al Corriere Canadese di Toronto, è stato inviato dei quotidiani E Polis. Ha pubblicato per la Cuec (www.cuec.it) il libro inchiesta “L’Italia radioattiva – L’atomo le armi le scorie e il potere”. Ha realizzato le mostre fotografiche “Invisibili naufraghi – storie di migranti dall’Algeria alla Sardegna” e “NON… c’era una volta la PlayStation”, dedicata ai giocattoli d’epoca.

———–

Francesca Nuzzaco, detta Chechi. Vive a Madrid da 4 anni, da dove cura il suo blog www.vivereamadrid.it.
Lavora nella pubblicità online, gironzola, osserva e scrive.  La cosa che più le piace è il vino rosso. Contattala su chechi@vivereamadrid.it

———–

Quattro Appunti vive all’estero da diversi anni. Il suo lavoro con varie organizzazioni umanitarie e qualche viaggio indipendente lo hanno portato a conoscere diversi paesi africani e più recentemente i paesi arabi del Medioriente. Dall’inizio del 2011 vive e lavora in Palestina. Scrive storie, racconti e anedotti sulle sue esperienze, i suoi viaggi e i suoi incontri più interessanti, oltre a qualche analisi personale sul contesto in cui vive. Per evitare problemi nella situazione complessa della regione, preferisce per il momento mantenere l’anonimato. Per contattarlo: quattroappunti@gmail.com. Il suo blog originale è http://www.quattroappunti.wordpress.com, www.quattroappunti.org

———–

Giovanni Quattromini. Detto Gianni, origini pienamente pugliesi ma da anni residente nel padovano con moglie, un bellissimo bambino di due anni e mezzo e un secondo in arrivo… Gianni da dodici anni è militare, veste la divisa dell’Aeronautica, ma ha sempre avuto la passione di scrivere ed in particolare del giornalismo. Da qualche tempo collabora sporadicamente con la rivista cartacea ed on-line “Libero Reporter” e con “Segnali”, giornale on-line dell’Informagiovani del Comune di Padova. Nel 2010 ad Herat, in Afghanistan durante una missione NATO, tra il sole e la polvere che offrivano le montagne rocciose, ha scoperto una grossa simpatia e fascino nonostante i bombardamenti, la disperazione, la povertà e la distruzione, per quello che la cultura, la tradizione e la gente afgana ha saputo regalargli in qualche modo… Apprezzando questi valori, si è rapportato col luogo, soprattutto con le realtà dei villaggi, riportando in un diario “impolverato” tutto quello che quotidianamente gli capitava di vedere. Rientrato in Italia il diario è diventato la sua Tesi di Laurea. Da questo suo lavoro estrapoliamo i suoi contenuti, rivivendoli a puntate. Mail:gianni__79@libero.it

———–

sergio(1)

Sergio Pargoletti. Dopo la laurea con lode in Scienze politiche e il servizio civile come obiettore di coscienza a Bologna, ho iniziato la mia avventura da giornalista.  Ho scritto e lavorato per agenzie di stampa, quotidiani, settimanali  e  giornali on line. Mi sono a lungo occupato di comunicazione istituzionale . Ho anche insegnato in un centro di preparazione universitaria. Ho scritto due libri: il primo è “Terra Ionica”, il secondo è “Berlino tutta la vita”, un romanzo ambientato nella capitale tedesca.Da europeista convinto ho scelto di venire a vivere a Bruxelles. Per il momento.

———–

Giulio Petrocco, padovano, fotoreporter. Lavora con le più importanti agenzie internazionali ovunque ci sia un enorme casino: Libia, Yemen, Sud Sudan. Il suo sito è www.giuliopetrocco.com la mail giuliopetrocco@gmail.com

 ———–

Antonio Pilello. Born in Turin (Italy), Antonio Pilello (1982) has obtained his MSc degree in Astronomy at the Padua University (Italy) in 2010, with a specialization in variable stars and extrasolar planets. From October 2008 to June 2009 he had the opportunity to write his Master Thesis at the German Aerospace Center in Berlin, where he improved his experiences with stellar variability and methods of detecting extrasolar planets. Since November 2011, after a scientific collaboration with the Institute for Astrophysics of the Göttingen University (Germany), Antonio Pilello is involved in the Master’s Course in Science Communication at the International School of Advanced Studies (SISSA), a post-graduate teaching and research institute in Trieste (Italy). He collaborated with ‘Kiezen voor kennis’ as a science writer at the Institut für Wissenschafts- und Technologiekommunikation GmbH in Berlin. He is also writing, as a freelance science writer, for L’Unità, an Italian newspaper, and Scienza in Rete, an Italian web Magazine. He wrote recently some articles for MicroMega, an Italian Newsmagazine, and Il Mitte, an Italian web Magazine. All the articles are available on his blog The Final Frontier (antoniopilello.wordpress.com).

———–

Alessia Pirolo, padovana, londinese per un po’, newyorkese in fieri. Giornalista. alessia_pirolo@yahoo.it

———–

Lidia Pittarello. Figlia di italiani emigrati in Germania, nata e cresciuta in quel di Padova, dopo un dottorato in Scienze della Terra ed un diploma in Organo e Composizione organistica è scappata all’estero per continuare a lavorare nella ricerca. Dopo un’esperienza, a Vienna, dove ha continuato a dividersi tra le sue due grandi passioni, la geologia e la musica, ora vive in Belgio

———–

Roberta Polese, tot anni, giornalista, collaboro per il Corriere del Veneto. Sono nata a Padova e seguo le disgrazie di questa città, sconfinando ogni tanto altrove. Andrò in Kosovo per un po’. Spero di trovare la chiave giusta perchè questo paese mi si sveli.. per raccontarvelo così com’è, senza forzature. E seguirò anche al rientro il percorso di ricostruzione, decostruzione… le ragioni di un conflitto che non si è esaurito ma che “bizzarramente” l’Italia e l’Europa sembrano, o vogliono, dimenticare.

———–

Corrado Poli, saggista e editorialista, insegna alla Libera Università IULM di Milano dove sta anche organizzando un corso di Master internazionale in Politiche Urbane Sostenibili in collaborazione con la Johns Hopkins University di Baltimora. Ha insegnato in varie università, ha diretto enti pubblici e svolto un’intensa attività di consulenza nelle politiche urbane in Italia e all’estero.

———–

Francesco Pulejo, padovano, 38 anni, è Project Coordinator di Oxfam Italia a Beirut. E’ autore del blog: Beirut, I love you?

———–

Maria Elena Ribezzo e Marcello Passaro Lui è un cervello in fuga, lei è una giornalista, dunque semplicemente in fuga. Dovesse andar male hanno già deciso di puntare tutto sulla simpatia. Nascono in Puglia negli anni ’80 in una città sul mare che la Lonely Planet definisce con impeccabile capacità di sintesi “più noiosa che pericolosa”. Crescono in giro per l’Europa, girano il mondo. Date le origini, però, nutrono la speranza di invecchiare su sedie in legno apri-e-chiudi, dal marciapiede dell’uscio di casa, a guardare la gente passare. Mail:  febbretropicale@gmail.com

———–

Eliano Ricci Nato e cresciuto in riviera romagnola, quindi vaccinato sin da piccolo dal turismo di massa, ama far piani che non vanno in porto, scrivere e procrastinare. Non sempre in quest’ordine. Nel tempo libero si occupa della sua collezione di velleità. Viaggia come, dove e
quando può. Di casa sta qui: http://acrilico100.blogspot.com

———–


Vincenzo Romania è ricercatore in sociologia, presso l’università di Padova. Si occupa di identità, comunicazione interpersonale e intercultura. Nella sua attività di ricerca ha studiato fenomeni come il mimetismo sociale e il legame fra tolleranza e vivibilità percepita. Ha collaborato con il comune di Padova e con quello di Venezia nel coordinamento e nella valutazione dei servizi di mediazione culturale e abitativa. E’ membro del comitato editoriale della rivista scientifica “Empedocles. European Journal for the Philosophy of Communication”. Nel 2003 ha vinto la prima edizione del premio “Giovani Sociologi” promosso dall’AIS. Ha pubblicato 4 monografie e diverse pubblicazioni in Italia e all’estero tra cui, di recente, la voce “Italy” nella “Encyclopedia of Social Networks” pubblicata da Sage.

———–

Silvia Sartori. Da sempre appassionata d’Asia, Silvia vi risiede dal 2005, alternando la residenza tra Pechino, Shanghai e Tokyo. Originaria della provincia di Treviso, si occupa di progetti di cooperazione internazionale. E’ autrice del blog “Finestra sulla Cina”. Per contattarla: silviasart@gmail.com. Blog: http://ziyuusan.blogspot.com

———–

Luca Solimeo è nato a Padova nel 1977. Dopo anni di studi tra Italia, Brasile, USA, Spagna e Belgio, prevalentemente sul tema della comunicazione applicata alla promozione e difesa dei diritti umani, dal 2004  lavora per le Nazioni Unite come esperto in comunicazione, prima in Zambia con la FAO,  dal 2006 al 2010 a New York, nell’Ufficio del Rappresentante Speciale del Segretario Generale per i Bambini e i Conflitti Armati, poi a Timor Est con UNDP e oggi in Angola con UNICEF.

 ———–

Elena Spolaore Padovana doc, precaria anche di più. Markettara di giorno, collaboratrice online a tempo perso per vari ed eventuali, viaggiatrice ogni qualvolta il contratto, il salvadanaio e (possibilmente) la presenza di amici buon’anima disposti ad offrirmi un divano, me lo consentono. Per A Nord Est di che scriverò un piccolo reportage del mio viaggio in Vietnam. Io e l’Oriente abbiamo appena iniziato una nuova relazione. Mi sa che mi sono innamorata.

———–

Focus on Syria è una rete indipendente di persone impegnate sulla crisi siriana. Il nostro obiettivo è di documentare la situazione dei civili siriani, raccogliere informazioni e testimonianze, e sensibilizzare il pubblico italiano e mondiale. Tra di noi ci sono giornalisti, fotografi e operatori umanitari. I fondatori della rete sono tutti italiani o italofoni. La nostra rete è in continua espansione e siamo aperti a contributi e collaborazioni di chiunque si interessi alla crisi siriana. Le attività principali di Focus on Syria sono: a) la diffusione della mostra multimediale “Rifugiati nel racconto – Storie di profughi siriani in Giordania e in Libano”  b) la gestione di “Focus on Syria”,un sito Internet con storie, notizie e analisi sulla crisi umanitaria in Siria. Contattaci scrivendo a: mail@focusonsyria.org  Visita il nostro sito: www.focusonsyria.org/it

 ———–

Antonella Tiozzo Sono una marinante (anche se a dire il vero sono nata all’ospedale di Chioggia). Da sempe amo viaggiare, conoscere popoli diversi, tradizioni diverse, idee diverse, scoprire cose nuove e vedere posti nuovi. Non a caso ho scelto di studiare lingue contro tutto e tutti, io “genio” matematico, ho ripudiato questo dono. Gli studi di lingue mi hanno portana in Germania e in Inghilterra per lunghi periodi. Poi la sorpresa. Ad un passo dalla laurea, con un posto di dottorato che mi aspettava in Austria, con un profondo interesse per le culture precolombiane, una richiesta di insegnamento di italiano presso una cattedra della Nuova Zelanda, incontro un ragazzo svedese! Ricomincio da capo, scopro nuove culture che non avevano mai sfiorato nemmeno il mio pensiero piú profondo e diventa amore a prima vista. Oggi vivo a Stoccolma, bellissima capitale europea, vivibile, ricca di cultura e trascorro le estati al polo nord, immersa nell’immansa natura solitaria, tra i popoli oriundi. Una cultura che sta diventando la mia casa, ma che voglio anche criticare. Amo scrivere e collaboro con diverse riviste dedicate agli italiani a Stoccolma e agli emigrati nel mondo. Scrivo di tutto, ma soprattutto dei problemi dell’insegnamento ai bilingui, passione nata giá durante i 17 anni trascorsi in Germania. Da tempo sento il bisogno di costruire qualche cosa per questi ragazzi mezzi italiani e mezzi svedesi, per migliorare la loro italianitá (e in parte anche la mia), per far capire loro la fortuna dell’appartenere a due mondi. Sogno di viaggiare per lavoro, ma intanto lo faccio con la fantasia. Mail: a_tiozzo@hotmail.com

———–

Marco Tiozzo è nato a Chioggia il 28 febbraio 1983. Ama la Storia. Ama il suo Paese. E dopo essersi laureato in Storia prima a Venezia e poi a Verona e aver viaggiato un po’, ha capito che il mondo era un po’ piu’ ampio e vario di come glielo avevano insegnato a scuola. Ora e’ Phd student in Modern History all’Universita’ di Birmingham in Inghilterra dove sta studiando l’Italia fascista. Ha gia’ all’attivo numerose pubblicazioni nelle riviste di settore, molte sul Risorgimento Italiano. Dicono che sia un sognatore. Lui dice che gli altri hanno smesso di sognare. tiozzomarco@libero.it

———–

Valentina Tortelli è una giornalista romana con la passione per i viaggi. Recentemente ha visitato il Kosovo e il Libano, embedded con il contingente militare italiano, ma anche il Marocco, l’Irlanda e gli Stati Uniti, passando vicino all’Area 51 e attraversando la Death Valley, una delle depressioni asciutte più profonde della terra, sotto il livello del mare. Redattrice de Il Quotidiano della Calabria vive di fronte al mare sul quale raccoglie curiosità e leggende. Per A nord est di che ha scritto un reportage sul Marocco. Per contattarla: valentina.tortelli@libero.it

———–

Claudia Vannucci, 30 anni, livornese di nascita e fiorentina d’adozione, è laureata in architettura, musicista, ciclista urbana e viaggiatrice.
Interessata da sempre ai temi della mobilità sostenibile e dei trasporti alternativi all’auto, pedala dal Granducato fino a Nordest di Che per parlare di ciclismo urbano e viaggi in bici, trasporti green e mobilità alternativa.
E’ autrice del travel blog http://viaggiverdeacido.blogspot.it , per contattarla: garageclaudia@gmail.com

———–

Alessandro Vignale

Alessandro Vignale Napoletano e laureato in Scienze Politiche, quasitrentanni da un bel pezzo, Alessandro ha fatto molti lavori: ha venduto graffe al Luna Park, fatto il guardiano notturno in una casa di riposo, ha assistito studenti disabili durante il loro percorso universitario. Poi ha cominciato a indossare camicie e per tre anni ha precariamente servito la Regione Campania in un progetto di supporto alle scuole. Dopo un’esperienza di progettazione sociale con Amesci e un tirocinio alla Camera di Commercio di Tel Aviv, ha contratto il travel bug ed è diventato un extraviado. Gli ultimi sei mesi li ha trascorsi a Canterbury, UK, lavorando al City Council, ma poi è scappato in Australia. Questo diario nasce con l’intento di raccontare i suoi viaggi. Il suo sito è http://autobiografiadelbludiprussia.wordpress.com

———–

damiano_vezzosi
Damiano Vezzosi è nato a Empoli ben oltre le 40 primavere fa. Quando ha iniziato a scrivere per un quotidiano Gianluca Vialli aveva ancora i capelli, Bettino Craxi era un grande statista, Acthung baby non era ancora uscito (né i lavori successivi, per fortuna ) e Internet non esisteva.  Vive a Dublino da settembre 2012 con moglie e due figli. Secondo le categorie giornalistiche è un cervello in fuga ma aspetta conferme (soprattutto per la prima cosa).
L’Irlanda e gli irlandesi gli piacciono moltissimo, tanto da fargli dire – minipost di chiusura – che se gli italiani fossero anglosassoni sarebbero irlandesi.
———–
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Sergio Vollono. Sono nato a Roma nel 56 e dall’età di 15 anni ho cominciato a giocare con le prime macchine reflex che arrivavano dal Giappone. La passione è cresciuta ed è diventata una cosa vera dopo che un fotografo romano ha cominciato a prendermi sotto la sua ala protettrice. Aveva intuito, bontà sua, che probabilmente la fotografia avrebbe potuto rappresentare qualcosa per me. Per molti anni ho imparato, in silenzio, non pagato, dando sempre del Lei al “Maestro” e cambiando la pellicola alle macchine fotografiche, le lastre nei telaietti 6×8 inc. del banco ottico e così via. Poi le prime mostre, i primi “matrimoni”, i primi lavori da assistente nei servizi di moda. Nel frattempo continuo a studiare e per fare contento il papà nel 1982  mi laureo in Economia e Commercio, sempre a Roma, con il massimo dei voti. Nel 1987 mi trasferisco a Padova dove apro il mio studio “Studio Eidos” alla fine degli anni 80 nella zona delle terme.  Rimane aperto per 12 anni e sono anni belli, intensi, emozionanti. Si fa moda, si fa still-life e si fanno tanti matrimoni che rendono ancora bene. A conclusione di questa esperienza chiudo con la fotografia commerciale e comincio ad occuparmi di comunicazione in internet. Collaboro dal 2004 al 2009 con Weesh srl. Nel 2008 nasce l’idea di “Arte Laterale”, associazione culturale no profit, che si occupa principalmente di fotografia e territorio. Fra i progetti sviluppati è consistente quello didattico. Altro progetto centrato sulla coniugazione del linguaggio fotografico e cambiamento del territorio è “Padova una città in divenire”.Con il tempo è maturato il mio interesse per il racconto fotografico che considero lo strumento più completo per comunicare con la fotografia . E questa rubrica che mi accoglie su AND è il modo per condividere la passione con la gente.
———–

Barbara Zamboni. Dopo il suo primo incontro con l’Africa, a 21 anni, non è stata più la stessa. Da allora è in cerca della sua strada, in giro per l’Europa ed il mondo. Pare non l’abbia ancora trovata, nonostante i molteplici tentativi. E’ fermamente convinta che il viaggio e l’altrove siano le migliori medicine per il corpo e lo spirito, ed ha la valigia sempre pronta in un angolo. Laureata in storia contemporanea e con master in studi europei, europeista convinta, negli ultimi sei anni ha vissuto in Italia, Francia, Polonia e Belgio. Più un paio di ‘soggiorni lunghi’ di tre mesi in California e India. Adora i gatti ed il suo passatempo preferito, quando non è alle prese con una nuova Lonely Planet, è sfornare torte, muffin, pizze e focacce. La sua passione mai sopita per la scrittura ed il racconto le hanno dato la spinta ad iniziare da poco un blog, precariaMente (http://precariamentando.blogspot.it/), su quello che le è riuscito meglio in questi ultimi dieci anni: girare.

———–

Susi Zatti. Laureata a Padova in Biotecnologie, attualmente sta completando il suo dottorato di ricerca al Chromosome Engineering Research Center di Yonago, in Giappone

———–

Germana Zodda Scrittrice dilettante, vagabonda per passione. Dopo una laurea in lingue e comunicazione e un master in cooperazione allo sviluppo passa gli ultimi 3 anni in giro per il mondo, lavorando con diverse Ong. Attualmente e temporaneamente vive a Kaunas, in Lituania.

———–

Nicola Zolin é un fotografo e giornalista ambientalista, scrive e pubblica in varie testate in giro per il mondo. Viaggia via terra da tre anni, collezionando volti e narrando tutto ciò che di umano incontra. Laurea in comunicazione, master internazionale in autostop. www.nicolazolin.it / www.clandestinamente.it