Titanic at 100, testimonianze a cent’anni dal naufragio

Redazione - 16 aprile 2012

Offerte di lavoro con Intersos

Redazione - 16 aprile 2012

Dignità! Nove scrittori per Medici Senza Frontiere, mercoledì a Verona

Redazione - 16 aprile 2012
empty image
empty image

Medici Senza Frontiere (MSF) presenta a Verona il libro “Dignità! Nove scrittori per Medici Senza Frontiere” (Feltrinelli Editore). La pubblicazione raccoglie i contributi di prestigiosi autori che hanno viaggiato in alcuni dei contesti in cui è presente MSF: Alicia Gímenez Bartlett, Mario Vargas Llosa, Paolo Giordano, Tishani Doshi, Catherine Dunne Esmahan Aykol, Eliane Brum, James Levine, Wilfried N’Sondé.
L’appuntamento è per mercoledì  18 aprile  alle 18 alla  Feltrinelli di via Quattro Spade, 2 a Verona.
Dalla Repubblica Democratica del Congo al Sudafrica, dalla Grecia al Malawi, dalla Bolivia all’India, dal Bangladesh al Burundi, i nove scrittori testimoniano attraverso racconti e reportage di viaggio, la realtà di alcune aree in cui MSF opera, all’interno di crisi umanitarie spesso dimenticate o inaccessibili. Storie, spesso romanzate e non sempre a lieto fine, ma che per la prima volta rendono loro la propria dignità.

Alla presentazione interviene lo scrittore Wilfried N’Sondé . L’autore ha visitato il progetto di MSF in Burundi, raccontato in “Le alture del Tanganica” all’interno del libro “Dignità!”. MSF nel paese gestisce il centro di Urumuri nella città di Gitega (Burundi) per la cura delle fistole ostetriche e una clinica per le cure ostetriche e ginecologiche d’urgenza a Kabezi nella provincia rurale di Bujumbura, la capitale del Paese.

Wilfried N’Sondé è nato a Brazzaville (Repubblica del Congo) nel 1968. Musicista e scrittore congolese, nel 1973 si trasferisce a Parigi e oggi vive a Berlino. Il suo primo romanzo, Le coeur des enfants léopards (traduzione italiana “Il morso del leopardo”, Morellini Editore 2009), ha ottenuto nel 2007 il premio RFO.
Speriamo che attraverso questo libro, storie imprigionate dalle emergenze umanitarie, dalla povertà, dall’ingiustizia, dalla mancanza di accesso alle cure, possano uscire da quel cono d’ombra in cui troppo spesso vengono rinchiuse dalla nostra indifferenza”, spiega Kostas Moschochoritis, direttore generale di MSF Italia.

Leave a comment

*