L'Everest visto dai Fratelli di cordata al Trento Film Festival

Redazione Padova - 29 aprile 2014

La colonna sonora dei diritti umani: ascolta il Cd di Amnesty

Redazione Padova - 29 aprile 2014

Ecco le lauree che danno più lavoro, fondamentale sapere l'inglese

Redazione Padova - 29 aprile 2014
empty image
empty image

In testa, forse un po’ a sorpresa, c’è la laurea in Giurisprudenza (24%). Seguita, e qua si rientra nell’immaginario collettivo, da Psicologia (18%), Lettere (15%) e Scienze Sociali (14,3%). Sono i dati di Almalaurea sul tasso di disoccupazione ad un anno dal conseguimento della laurea magistrale. In totale, i laureati che dopo 12 mesi si dichiarano occupati – dati riferiti al 2013 – è del 55%, poco più di uno su due. Ma c’è una cosa che accomuna la maggior parte delle risposte degli studenti: la sottolineatura dell’importanza sempre maggiore della conoscenza di almeno una lingua straniera, l’inglese.
almalaurea_facoltà (1)
Questo non solo in riferimento ad eventuali esperienze di tirocinio o lavoro all’estero (anche se sono fra le più appetite, come vi abbiamo raccontato nel post in cui vi spieghiamo quanto si guadagni di più in Inghilterra), ma anche nella più quotidiana ricerca di un impiego nel Belpaese. La buona conoscenza dell’inglese, obiettivo raggiungibile in tempi rapidi attraverso un corso intensivo all’estero con un buon provider quale ad esempio Kaplan International, infatti, risulta essere sempre di più la skill decisiva che permette di essere scelti per posti per i quali arrivano decine, se non centinaia, di curricula.

Una competenza che – causa croniche mancanze del sistema d’istruzione italiano – ancora in troppi casi non si riesce a sviluppare al meglio nel proprio percorso di studi. Sono molti gli studenti che, tornando indietro, proverebbero un corso d’inglese all’estero, un’esperienza intensiva di vacanza studio che permette di imparare la lingua più velocemente e in maniera più divertente, meno formale. In Italia solo il 12,4% dei cittadini conosce bene l’inglese, ed è un fenomeno sul quale bisogna lavorare non solo per recuperare il terreno perso rispetto al resto d’Europa ma anche, come visto, per un discorso molto più pratico: può essere proprio lo strumento che permette di superare la concorrenza ed arrivare alla meta agognata, il posto di lavoro. Yes, you can. 

Leave a comment

*