In viaggio verso la Transilvania: Cluj Napoca

Redazione Padova - 15 aprile 2014

Le statue e gli eroi di Cluj Napoca

Redazione Padova - 15 aprile 2014

Egitto, 528 condanne a morte senza processo, appello di Amnesty

Redazione Padova - 15 aprile 2014
empty image
empty image

Egitto, scontri al Cairo in secondo anniversario rivolteSono 528 persone condannate a morte. Come se d’un tratto un piccolo Comune italiano sparisse: è quanto potrebbe – in questo caso il condizionale è una speranza – succedere in Egitto, a breve. La maggior parte degli imputati, quasi tutto, non hanno di fatto avuto un processo. Non solo l’inutilità della pena di morte, ma anche la mancanza di tutte le minime garanzie processuali: per questo è in corso un appello urgente online di Amnesty International affinché la decisione di questo iniquo processo possa essere ribaltata.
Ecco il racconto di Amnesty.

Un tribunale egiziano ha condannato a morte 528 persone, la maggior parte in contumacia, a seguito di un processo profondamente iniquo. È il maggior numero di sentenze capitali emesse in un unico processo negli ultimi anni.

Un tribunale della città di Minya, nell’alto Egitto, ha condannato 545 persone con diverse accuse: “omicidio di un ufficiale di polizia”, “tentato omicidio di due agenti di polizia”, “incendio della  stazione di polizia di Mattay nel governatorato di Minya, e furto di armi da fuoco il 14 agosto 2013”, “gestione di un gruppo vietato dalla legge e appartenenza allo stesso”. Il 24 marzo, il tribunale ha condannato a morte 528 degli imputati.

Anche se 118 degli accusati erano stati arrestati, gli avvocati della difesa hanno raccontato ad Amnesty International che solo 64 di loro erano presenti in aula all’apertura del processo, il 22 marzo, con una udienza che è durata meno di 30 minuti. Il procuratore non ha letto le accuse, nonostante quanto previsto dalla legge egiziana. Il giudice non ha autorizzato la difesa a effettuare dei contro interrogatori di testimoni né di revisionare le prove contro i 528 imputati.

Inoltre, ha respinto la richiesta della difesa di avere più tempo per esaminare le 3070 pagine di documenti sui casi, affermando che avrebbe emesso il verdetto il 24 marzo. Il giudice ha ordinato a guardie armate di circondare alcuni avvocati del team dopo che avevano protestato vivamente per come era stato gestito il caso e chiesto la nomina di un altro giudice.

Il processo è proseguito il 24 marzo, in assenza di tutti gli imputati, che le forze di sicurezza non hanno portato in tribunale, e degli avvocati della difesa a cui il giudice ha interdetto l’accesso all’aula. Il giudice ha sottoposto il caso dei 528 condannati al Gran Mufti , il più alto funzionario religioso del paese per il suo parere. Secondo la legge egiziana, il Gran Mufti deve essere consultato per tutte le condanne a morte comminate dai tribunali penali, anche se il suo parere non è giuridicamente vincolante. Il giudice annuncerà formalmente la decisione finale il 28 aprile.

Ed ecco dove firmare l’appello.

Leave a comment

*