Mozambico, pareggio senza reti e senza porte

Redazione Padova - 12 aprile 2012

Immersi nella barriera corallina: ha le ore contate

Redazione Padova - 12 aprile 2012

Herat, pensando a mio figlio

Redazione Padova - 12 aprile 2012
empty image
empty image
Due giorni….da due giorni in terra afgana….
Una fase la mia, ancora di adattamento.
E’ da poche ore che ho messo piede qui, tra caldo e polvere…Tutto è ancora uguale, un “aggregato” di mimetiche tra le immagini sbiadite dalla stessa polvere grigia, densa e pesante….Un cielo pallido, un sole cocente…questa è ancora per me l’Afghanistan, questa è Herat.
Ho terminato tutte le procedure “burocratiche” che mi serviranno a proseguire la mia permanenza qui…Siamo in tanti…non pensavo così tanti….: italiani, albanesi, spagnoli, americani…: una grossa aggregazione.
Ho una stanza che divido con altri due colleghi, un letto, un armadio, ….non posso lamentarmi!
Ieri sera mentre sistemavo le mie cose e aprivo la valigia ho trovato una sorpresa: le foto di mio figlio tra i miei abiti…Me le avrà messe mia moglie…
Sono rimasto fermo a fissarle nonostante le avessi già viste un sacco di volte…chissà cosa penserà di tutto questo quando sarà grande!
Pensando a lui, riesco a fare tanto, l’approccio positivo e significativo che sto avendo con questa esperienza ….magari lo devo a lui..
In questi due giorni, in questa terra, all’interno di questa base militare, ancora ben poco mi ha fatto avvicinare più direttamente alla vera realtà: sono ancora un pesce fuor d’acqua!

Polvere, caldo, ciottoli, rumori di passi sulla ghiaia tra uomini in divisa, mezzi, armi e movimenti lesti…Questo è tutto ciò che ancora vedo….
Lo sguardo dei ragazzi che operano qui, sembrano sereni e rassicuranti, un mondo che cerca di stare per conto proprio, rispetto ad una realtà ben diversa che si vive al di fuori.
Gli addestramenti, i briefings, le istruzioni riservate a noi novelli abitanti di questo “nuovo mondo”, sembrano essere resoconti di ciò che ad oggi l’Afghanistan è, e sarà per noi Occidentali, sopratutto: un Paese che farà i conti con un futuro sempre più globalizzato e che dovrà faticare, per poter ottenere anch’esso un posto all’interno del sistema.
Quando sarò in grado ad iniziare la mia “operatività” saprò valutare e dire quanto il contesto potrà essere favorevole a dare un vero senso a tutto quello che mi apparirà davanti.

Giovanni Quattromini (QuattroGi)

Leave a comment

*