Liguria:7 città e 7 ristoranti da non perdere nella Riviera di Ponente

Redazione Padova - 3 aprile 2014

Ultimo Tanko di un paese senza buon senso: se Anordestdiche finisce nell'inchiesta di Brescia

Redazione Padova - 3 aprile 2014

Inghilterra, stipendi molto più alti. Ecco perché provarci

Redazione Padova - 3 aprile 2014
empty image
empty image

englishUna delle domande più frequenti che ci viene rivolta, quando pubblichiamo offerte di lavoro all’estero su Anordestdiche, è una conferma sulla retribuzione. In altre parole: si stenta a credere che un lavoro da impiegato, che in Italia frutta 28.230 euro lordi, in Gran Bretagna possa essere pagato 39.626. E’ forse anche per questo che, le persone che si trovano a studiare inglese in Inghilterra, spesso rimangono li a far tesoro delle competenze linguistiche acquisite.  Le cifre non sono casuali: sono quelle riportate dall’osservatorio Eurostat (2012). Ma anche navigando un po’ su siti di altri certificatori di dati, il risultato non cambia: lo “spread” degli stipendi è reale, ed è uno – anzi il primo – dei motivi per i quali un’esperienza all’estero viene vista sempre più come allettante. La stessa dinamica retributiva riguarda anche i giovani, i neolaureati: all’estero la paga è molto maggiore e non solo, le aspettative sono sicuramente più alte visto la difficoltà di inserimento lavorativo che c’è in Italia, con un tasso di disoccupazione giovanile ormai da mesi costantemente sopra il 40%.
Ci piacerebbe però che a cambiare fosse la seconda domanda in assoluto più gettonata: il livello di inglese. Attenzione: può sembrare un’ovvietà, ma a quanto pare non lo è. Per andare a lavorare in Inghilterra bisogna conoscere l’inglese. Anzi: per andare a lavorare in giro per il mondo è necessario avere un buon livello d’inglese. A noi di And dispiace veramente tanto vedere “svanire” il sogno di un lavoro e un’esperienza all’estero per la mancata conoscenza dell’inglese. I dati sulla nostra (scarsa) conoscenza delle lingue straniere ve li avevamo già descritti in un post: il gap da recuperare è molto ampio, e come visto è fondamentale anche per posizionarsi al meglio nel mercato del lavoro.
Ma l’inglese ha una caratteristica che viene spesso sottovalutata: si può imparare. Basta un buon corso di inglese all’estero, e la voglia di mettersi in gioco: con una conoscenza certificata della lingua tante porte – che potevano sembrare chiuse a doppia mandata – si apriranno.

Leave a comment

*