I gitani del mare

Redazione - 28 marzo 2012

Kosovo, taglia in due il Mercedes per non dover pagar l’assicurazione

Redazione - 28 marzo 2012

La grecizzazione del nostro futuro

Redazione - 28 marzo 2012
empty image
empty image

Questo post arriva da Chediestonorda, una sigla che rivendica davanti al tribunale dell’Aia il possesso del dominio www.anordestdiche.com. Nell’attesa che la Corte dirima la questione e diffidando di chiunque abbia più di 30 anni (quindi anche di me stesso) pubblico, per par condicio, questo post, pur non condividendone lo spirito anarco-decostruttivo e le prospettive catastrofiche che confliggono con la policy del gruppo Scr per cui normalmente scrivo.

E’ un po’ che penso a questo concetto che mi ronza in testa: l’idea, di scrivere sul processo di progressiva grecizzazione del nostro Paese. E non parlo tanto del Paese reale quanto delle nostre teste, del processo progressivo che porta ad immaginare il nostro futuro senza un lavoro sicuro, senza una pensione e senza una certezza di vita che ci venga offerta dallo Stato.

E’ un po’ che penso a queste cose senza decidermi realmente a scriverle, ma poi stamane ho visto le foto di Michelle Obama nell’orto, sentito le parole del presidente Monti che non tira a campare (ma noi sì…beato lui) e allora mi sono detto che forse era giunta l’ora…

Che articolo 18 o articolo non 18 (un problema dal lato pratico statisticamente irrilevante ma principiamente non rinunciabile) stiamo parlando del poco e/o del nulla.

Che tanto il problema è che di lavoro, in questo anno 2012 di lavoro ce ne sarà meno e che a giugno arriva una botta di tasse da paura e che l’unico modo di risparmiare – che sarebbe tagliare nel settore pubblico (e ce ne sarebbe, lì sì, senza toccare i servizi) – nessuno l’ha contemplato.

Che il vero e unico problema è la politica finanziaria della destra europea francese e tedesca che sta costringendo alcuni popoli (greci, portoghesi, e poi chissà noi) alla fame…Cose per le quali una volta serviva una guerra insomma..che se ne uscirebbe solo con un progetto nuovo, con investimenti nuovi, non certo con i tagli a progetti (poltitici e di vita) vecchi.

E allora da mesi, da anni ormai, inizi a fare progetti di downshifting dal nulla, di crociere nei mari del sud come skipper, o agricoltore nel tuo terrazzo. Inizi a immaginare come sarà vivere con meno ed ecco che ti viene da pensare a cosa sono le cose che vuoi tenere e quelle che vuoi buttare.

Quelle che vuoi tenere e quelle che vuoi buttare. Come se domani finisse il mondo, cadesse un meteorite e dovessi decidere dove dirigerti…E tu, che sei cresciuto nell’idea globale dell’inseguimento del tuo successo,ti ritrovi a pensare proprio a questo: a quello che vuoi tenere e quello che vuoi buttare.

Come se non ci fosse un domani. Che magari ci sarà, ma non ci metteresti la mano sul fuoco. A pensare alle persone care, a quelle che ti fanno star bene. Alle cose importanti e a quelle meno. A quelle che vuoi tenere e a quelle che vuoi buttare

Vedi vedi che in fondo in fondo, sta grecizzazione...

(chediestnorda)

Leave a comment

*