Vienna, qualità della vita e corruzione

Silvia Fabbi - 12 dicembre 2012

Quando al cinema si parla dell'Italia (ma non in Italia)

Silvia Fabbi - 12 dicembre 2012

L'Alto Adige dalle mele alle tessere elettorali

Silvia Fabbi - 12 dicembre 2012
empty image
empty image

L’abitante più vecchio ha 5.000 anni e si chiama Oetzi. La montagna più alta è l’Ortles e misura 3.905 metri. La strada di valico più elevata è lo Stelvio, che con i suoi 2.760 metri detiene il primato europeo in materia. Tutti i numeri dell’Alto Adige, spiegati attraverso il nuovo linguaggio dell’infografica, “per (ri)scoprire una regione famosa da una prospettiva assolutamente inedita”.

 

 

Così gli autori di “Total alles Ueber Suedtirol/Alto Adige Tutto di tutto/The complete South Tyrol”, edito da Folio Verlag (128 pagine, 19,90 euro), presentano il nuovo lavoro su una delle zone più discusse e più conosciute dell’arco alpino. Dalla produzione annuale di mele (oltre un milione di tonnellate l’anno, di cui il 4% bio) a quella di latte (1.000 tonnellate l’anno, di cui 17 bio), dai 306 corpi di vigili del fuoco volontari distribuiti sui 116 comuni ai 50.014 iscritti alla Suedtiroler Volkspartei (praticamente un sudtirolese su dieci), il volume raccoglie un vero e proprio identikit della provincia. Il tutto spiegato con le infografiche della società vicentina no.parking.

Silvia Fabbi

Leave a comment

*