#29s, un altro sabato caldo in Europa

Redazione - 29 settembre 2012

Darfur, il genocidio dimenticato

Redazione - 29 settembre 2012

L'anno delle locuste

Redazione - 29 settembre 2012
empty image
empty image

La Palestina fu protagonista di uno delle più grandi e terribili piaghe che la storia moderna abbia mai visto. Girava l’anno 1915, un’ondata di locuste ha colpito tutta la zona della Palestina, comprese le aree limitrofe, spazzando via la maggior parte delle coltivazioni, le provviste di cibo e portando una ondata di malattie ed epidemie. Questa invasione di proporzioni epiche durò da marzo fino a giugno, portando a un livello molto critico l’approvvigionamento di cibo che già scarseggiava in quel periodo. Questa situazione ha portato così un grande afflusso di povertà e di malattie in tutto il paese; tra le città più colpite la città di Gerusalemme.

Oltre al disastro ambientale, questa piaga ha avuto un effetto negativo sui costi degli alimenti. Diversi prodotti  ebbero incrementi a livelli mai visti prima.  Il 25 aprile del 1915, il New York Times descrisse gli aumenti di prezzo:  “Farina costa $ 15 al sacco. Patate sei volte in più rispetto al prezzo usuale. Zucchero e petrolio sono a prezzi  inavvicinabili e il denaro ha smesso di circolare.”

“L’album delle locuste”

Alla luce di quei fatti, Djemal Pasha, il comandante supremo di Siria e Arabia, montò una campagna per sconfiggere la devastazione e incaricò i fotografi della “American Colony” di documentare l’avanzamento delle locuste ed il disastro ambientale. La American Colony  creò così un progetto fotografico  di nome  “locust album” che documentava  l’orda  dal momento dell’arrivo fino alla fine della devastazione avvenuta col loro passaggio. Tra le prime pagine dell’album fu inserita una foto di un albero di fico prima e dopo l’ attacco delle  locuste.
Questa documentazione fotografica serviva a testimoniare e dimostrare la catastrofe provocata dall’invasione di questi insetti. La “National Geographic” pubblicò un articolo scritto da John Whiting, membro della  American Colony,  dove raccontava il loro arrivo come grandi stormi neri, dalle dimensioni enormi: bastavano soltanto pochi minuti perché avvenisse una completa devastazione e distruzione.

“la Battaglia”

Il governo britannico ha cercato vari modi per bloccare ed eliminare l’avanzamento delle locuste e tra i metodi più usati furono:

 

1 – Creazione di grandi pozzi di raccolta delle locuste. Un volta riempiti, con l’aiuto della figura del “tramper”  (camminatore/schiacciatore) venivano schiacciate le locuste.

2 – Creazione di grandi barriere di zinco nel deserto per bloccare l’avanzamento delle  locuste nelle città e nei villaggi.

3 – Enormi trappole a forma di cespugli artificiali furono creati per attrarre le locuste, che poi venivano incendiati una volta riempiti.

4 –  Spargimento di veleno tra i cespugli.

5 – Venivano usate le carcasse di animali come esche per attrarre le locuste.

6 – Aratura delle uova delle locuste.

7 – Creazione di avamposti nel deserto,  fuori dai villaggi e città, per monitorare lo stato d’avanzamento delle locuste.

Fatima Abbadi

 

Video:

THE LOCUST BATTLE

Leave a comment

*