Ultimo Tanko di un paese senza buon senso: se Anordestdiche finisce nell'inchiesta di Brescia

Redazione Padova - 5 aprile 2014

Ius soli e diritti civili: Kuwornu a Padova

Redazione Padova - 5 aprile 2014

L'Olanda in Veneto, due anni di eventi

Redazione Padova - 5 aprile 2014
empty image
empty image

Molens aan de Kinderdijk (Kinderdijk Windmills)Prima la Puglia, poi la Toscana. Ora il Veneto: l’Olanda è pronta a sbarcare sotto il campanile di San Marco, magari per farsi una (metaforica?) “ombra” e dare il via a due anni di eventi culturali, appuntamenti, fiere, su tematiche a 360 gradi, che spaziano dall’arte ai trasporti, dall’economia al sociale.
Si intitola Olandiamo in Veneto il progetto ideato e organizzato dall’Ambasciata e dal Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi in Italia per far conoscere l’economia, la cultura e la società olandesi in Veneto, presentato oggi a Venezia nella sede della Presidenza della Regione, a Palazzo Balbi, alla presenza del Presidente Luca Zaia e dell’Ambasciatore dei Paesi Bassi Michiel den Hond. Per l’occasione, l’Ambasciatore ha fatto dono al Presidente Zaia dei caratteristici zoccoli olandesi.

Ma quali sono i rapporti fra l’Olanda e il Veneto?  Tra l’Olanda, Paese con 16,8 milioni di abitanti e una superficie di 37.354 km2 e il Veneto, regione grande metà dell’Olanda (18.390 km2) e con 4,9 milioni di abitanti, esistono legami commerciali secolari. Nel 2013, i Paesi Bassi hanno esportato in Veneto per un valore di 1,6 miliardi di euro, in primo luogo nei settori agro-alimentare, chimico e metallurgico. Vice versa, il volume di esportazione del Veneto verso l’Olanda è di poco più di 1,2 miliardi, soprattutto prodotti di moda, macchinari ed alimentari. Secondo questi dati il Veneto avrebbe un deficit commerciale verso l’Olanda: infatti l’Olanda risulta il settimo partner commerciale del Veneto per importazioni e l’undicesimo per esportazioni. (Delle Regioni italiane, il Veneto è il terzo partner commerciale dell’Olanda, sia per quanto riguarda le importazioni – dopo la Lombardia e il Lazio- che per le esportazioni -dopo la Lombardia e l’Emilia-Romagna.) Questa differenza è tuttavia più che colmata dalla massiccia presenza turistica olandese nel Veneto. L’anno scorso, la Regione fu meta di 400.000 visitatori olandesi, che insieme hanno totalizzato tre milioni di presenze, soprattutto lungo il Lago di Garda e a Venezia e dintorni. I turisti veneti in Olanda non sono registrati in quanto veneti, ma il totale degli italiani in visita in Olanda è comunque molto più modesto: 450.000 per un totale di un milione di pernottamenti.

Dopo Olandiamo in Puglia (2010) e Olandiamo in Toscana (2012), che hanno toccato rispettivamente il Sud e il Centro Italia, per la terza edizione nel Nord Italia è stato quindi scelto il Veneto come regione partner per organizzare un programma di eventi nel corso di tutto il 2014 e parte del 2015. Olandiamo in Veneto mira infatti a promuovere collaborazioni e partnership tra Olanda e Veneto in virtù dei tanti fattori di collegamento in campo economico e culturale, il legame con l’acqua, il turismo, la storia, l’enogastronomia ecc. Destinatari del progetto sono le istituzioni, il mondo della cultura e quello imprenditoriale e naturalmente tutti i cittadini del Veneto: è in particolare a loro che l’Ambasciata e il Consolato del Regno dei Paesi Bassi vogliono far arrivare il messaggio di una società e di un Paese aperti, creativi e dal forte spirito imprenditoriale, oltre che di un’economia innovativa e solida allo stesso tempo. Gli appuntamenti, che toccheranno tutte le province venete, comprendono mostre, spettacoli, convegni e concerti divisi in tre categorie: economia, cultura e vita sociale.

Il programma ha già avuto alcune significative anticipazioni, come la mostra itinerante dal titolo Anne Frank, una storia attuale, che dopo la tappa di Noventa Padovana, dove è rimasta allestita fino al 3 aprile, verrà  riproposta in altre città del Veneto. Inoltre, è stata inaugurata a Palazzo Albrizzi a Venezia il 28 marzo, la mostra fotografica Etty Hillesum, maestra di vita nel centenario della nascita della scrittrice e filosofa olandese.

L’11 aprile a Schio (Padova) si metteranno quindi a confronto l’architettura e la pianificazione urbana del Veneto e della provincia del Brabante nei Paesi Bassi all’interno di Festival Città Impresa. Si torna alla cultura invece per l’appuntamento in programma il 19 maggio a Padova, all’Auditorium Pollini con il concerto dell’Orchestra del Settecento. Ci si sposta poi il 27 e 28 maggio a Verona per parlare di trasporto internazionale e intermodale nel workshop e matchmaking italo-olandese sulla logistica, realizzato in collaborazione con l’Interporto di Verona e i principali trasportatori olandesi.

Moltissimi poi gli eventi speciali inseriti nella cornice di fiere, festival e biennali. Il 5-6 giugno, durante i giorni di vernice della Biennale Architettura di Venezia, si terrà il ciclo di conferenze Greenhouse Talk, che vedranno a confronto esponenti del design e dell’architettura internazionali, oltre alla presenza del Padiglione Olandese. Olandiamo in Veneto sarà poi presente con lo Scapino Ballet di Rotterdam al tradizionale appuntamento dedicato alla danza di OperaEstate a Bassano dal 22 al 25 luglio. L’Olanda sarà Paese ospite a ExpoBici, fiera ciclistica internazionale a Padova dal 20 al 22 settembre e presenterà la propria cultura ciclistica in un’ottica di promozione della sicurezza stradale e della ciclabilità anche nel Nord Italia. Si resta nel settore fieristico ma ci si sposta a Verona dal 24 al 27 settembre per Marmomacc, dove l’Olanda si presenterà con una mostra di designer emergenti e con conferenze di architetti olandesi. Segue in ottobre un workshop veneto-olandese sulla gestione delle acque a Vicenza. Mentre a Venezia a novembre l’Olanda parteciperà a Open Design Italia.

Il programma completo – che verrà costantemente implementato – sarà disponibile online sul sito del progetto www.olandiamo.it e gli aggiornamenti saranno presenti anche sulla pagina Facebook di Olandiamo  all’indirizzo www.facebook.com/olandiamo.in.italia e su Twitter www.twitter.com/Olandiamo.

 

 

 

Leave a comment

*