Riapre con una mostra il padiglione italiano di Shanghai

Redazione - 17 maggio 2012

Lavoro e integrazione, ecco cosa chiedono i rifugiati

Redazione - 17 maggio 2012

Londra, l'egoismo sale in metro

Redazione - 17 maggio 2012
empty image
empty image

Londra 2012, scappare o rimanere? Ecco il parere di Elisa. Raccontaci la tua esperienza nello speciale Olimpiadi o scrivendo a anordestdiche@gmail.com

Ho lavorato a Londra, in una rinomata istituzione pubblica per cinque anni e il mio stipendio non e’ aumentato in quel lasso di tempo, se non grazie agli “aggiustamenti” dovuti all’inflazione. Con uno stipendio da statale medio, a Londra, non puoi permetterti di vivere da solo: io ho condiviso una casa con altre quattro persone per poter risparmiare almeno una parte del mio stipendio. E vivevo in zona 4, sempre per poter da una parte ammortizzare i costi, dall’altra far finta di avere una migliore qualita’ della vita. Mi sono sempre mossa in bici, come molti Londinesi (e non).

Negli ultimi mesi della mia permanenza mi sono dovuta affidare alla metroplitana perche’ ero incinta: ecco, qui ho potuto notare se non il cinismo almeno l’indifferenza e il totale individualismo di tutte le persone che si trovavano a condividere il vagone con me. Tutte assorte nella lettura di “Metro” o del loro ebook reader o assopite. Nessuno che alzasse lo sguardo, nessuno che notasse che avevo una pancia non indifferente. Nessuno o quasi che mi cedesse il posto, soprattutto quando il vagone era piu’ affollato durante le ore di punta. Stesso discorso nelle stazioni o negli aeroporti: tutti determinati a raggiungere la loro destinazione nel minor tempo possibile (vedi le persone che camminano sul lato destro delle scale mobili!) e nessuno che si fermasse ad aiutarti a portare un bagaglio su o giu’ dalle scale (moltissime stazioni londinesi, anche le piu’ centrali ancora non hanno scale mobili e/o ascensori!).
Ho potuto constatare l’ipocrisia di molti colleghi sul posto di lavoro: sempre sorridenti, sempre a dire “yes” e “sorry” ma pronti a sparlarti alle spalle alla prima occasione. Mi rendo conto che questo giudizio puo’ applicarsi a qualsiasi ambiente di lavoro, non essendo necessariamente una peculiarita’ di Londra, per cui prendetelo pure con le pinze.

Cosa mi manchera’ di Londra? Sicuramente la varieta’ dell’offerta culturale: mostre interessantissime e sui piu’ disparati soggetti, state-ot-the-art museums per lo piu’ gratuiti, una ristorazione internazionale variegatissima e di qualita’ spesso eccellente.
Ma soprattutto mi manchera’ il mio lavoro da restauratrice, un lavoro per il quale avevo studiato qui in Italia, ma che l’Italia non sembrava (e tuttora non e’) in grado di potermi offrire. Un lavoro che ho ottenuto mandando il mio CV quando seppi che reclutavano nel mio futuro posto di lavoro. Un lavoro conquistato tramite colloquio e non tramite estenuanti concorsi pubblici.
Se sono tornata, e’ stata per una scelta personale, dovuta a contingenze non piu’ procastinabili. Non escludo di poter tornare in futuro insieme alla mia famiglia: del resto ora sono in aspettativa..

Elisa

Puntate precedenti:

1. Lasciare Londra alla vigilia delle Olimpiadi

2. La mia Londra è solidale e premia il merito

15 comments

  1. Sono abbastanza sorpreso dalle opinioni un po’ amare che i compatrioti hanno di Londra in questo sito. Barbieri, sei tu che scegli i più incazzati? Prima quello che si lavora troppo, adesso la storia che non ci si alza per una donna incinta in metro. O la città è cambiata davvero tanto da quando me ne sono andato due anni fa, o Elisa prende il treno più stronzo di Londra per andare al lavoro, dove trova i colleghi più stronzi. O forse andava di culo a me. Ad ogni modo, sarei curioso di leggere un “sei mesi dopo il ritorno in Italia” prossimamente su queste pagine!

    1. molti dei giovani e non che hanno lasciato l’Italia negli ultimi 20 anni,sono stati spinti da una classe dirigente a tutti i livelli, trascurando tutto e tutti(io sono un agricoltore),ma quello che è cambiato anche per Londra è la politica inglese degli ultimi 30 anni dove l’ascensore sociale si è fermato,purtroppo i leaders inglesi pensano solo alla City e basta,poi è ovvio che il dinamismo anglosassone che c’è dappertutto ha suggestionato tanti che si sono trasferiti.

  2. Temo che le critiche sull’individualismo delle persone siano applicabili a qualunque grande città, Londra è enorme e non credo sia rappresentativa per gli Inglesi. Qui si dice “Wien ist anders” ed è vero, solo a Vienna i camerieri ti gettano i piatti e ti trattano male, appena si esce dalla città gli Austriaci sono deliziosi, e così gli Inglesi fuori da Londra.

Leave a comment

*