Tutti gli autori di Cormònslibri

Redazione - 22 novembre 2013

Erasmus+ contro la disoccupazione

Redazione - 22 novembre 2013

Militarismo e stupri di massa: convegno a Padova

Redazione - 22 novembre 2013
empty image
empty image

L'INFAME OLTRAGGIOIn occasione della Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza contro le Donne, designata nel 1999 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, RIDIM – Rete Italiana Donne Immigrate promuoverà domenica 24 novembre 2013 una Tavola rotonda dal titolo “L’infame oltraggio. Militarismo e stupri di massa: il corpo delle donne come terra da invadere”.

L’evento, patrocinato dalla Commissione Pari Opportunità del Comune di Padova, avrà luogo alle ore 18 al Nuovo Teatro Don Bosco di via San Camillo de Lellis (zona Forcellini) a Padova, e sarà introdotto da una suggestiva performance artistica messa in scena da Charà per la Danza dove, assieme a Maria Vittoria Campiglio (danza), si esibiranno Luisa Ereno (canto) e Guido Rigatti (violoncello).

Il tema della Tavola rotonda è quello della violenza contro le donne nei conflitti armati, nel corso dei quali molto spesso il corpo femminile diviene il luogo simbolico della terra da invadere, umiliare, sottomettere, brutalizzare. Gli stupri di massa – di cui si accenneranno in particolare quelli perpetrati in Bosnia Erzegovina durante il conflitto avvenuto tra il 1992 e il 1995 – rappresentano in questa lettura una tattica per inferiorizzare la donna-nazione, risorsa naturale e fonte di vita su cui trionfare con la bieca onnipotenza del vincitore.

Sul drammatico quanto da sempre esistito fenomeno dello stupro militarizzato si confronteranno Paola Degani (Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali dell’Università degli Studi di Padova), Marianita De Ambrogio (Donne in Nero), Angelo Lallo (Storico e Autore de “Il sentiero dei tulipani. Psiconazionalismo in Bosnia Erzegovina” e de “Il tunnel di Sarajevo), Denada Dedja (Presidente RIDIM). Modera l’incontro la giornalista Adina Agugiaro.

L’iniziativa è aperta alla cittadinanza. Ingresso libero.

Leave a comment

*