I Pirati della Malesia secondo Salgari

I Pirati della Malesia secondo Salgari

Cos’hanno in comune Babbo Natale e Sandokan? Entrambi …non esistono, se non nel nostro cuore, nella nostra fantasia e nella magia che ci evocano…

Partito alle 9 del mattino del mio Natale da Singapore, atterro con un volo della Tiger Airways, low cost locale, a Kuching in Sarawak, uno dei due stati malesiani nel Borneo, alle 11.00 del mattino.

partenza da Singapore per Kuching

partenza da Singapore per Kuching

Sulla pista dell’aeroporto piove, intensamente. La probabile causa si dice sia El Niño, un fenomeno descritto con questa parola spagnola che significa “il bimbo”, in riferimento al Bambino Gesù, per il fatto che normalmente si manifesta durante il periodo natalizio. Il taxi mi porta verso l’hotel, e passo davanti a un “lorong Karmelitan” (vicolo delle Carmelitane).  Questo dettaglio “europeo” mi fa sorridere dell’immaginazione di Salgari.

Sandokan è completamente sconosciuto da queste parti, mentre il Rajah Brooke, nato in India, a Benares, figlio di un giudice inglese, lo conoscono tutti. Brooke infatti è colui che ha iniziato la dinastia dei “Rajah Bianchi“, durata solo tre generazioni, da quando il Sultano del Brunei*, cui queste terre appartenevano, per ringraziarlo dell’ aiuto militare dato nello sconfiggere i pirati, lo ha nominato “Rajah (=re) di Sarawak”  il 18 agosto 1842. Che avventura, no? Un “comune suddito di Sua Maestà Britannica” improvvisamente elevato al rango regale lui stesso.

*[Nota: "Borneo" altro non è che “Brunei” pronunciato male dai Portoghesi].

Sandokan non è mai esistito anche se probabilmente Salgari ha preso l’ispirazione per questo nome dalla citta’ di Sandakan, a Sabah, ex Borneo Orientale.

Mappa della Malesia con Kuching

Mappa della Malesia con Kuching

Lo Stato di Sarawak, sebbene membro della confederazione Malesiana, ha una maggioranza di popolazione cristiana, con il 43%, contro un solo 23% islamico ed il resto buddista o appartenente a credenze animistiche. Tra l’altro i Malesiani stessi devono mostrare il passaporto per entrare a Sarawak. Il Primo Ministro della Malesia, Najib Razak, in occasione del Natale ha inviato un messaggio a tutta la nazione, dicendo che ciò che gli “è sempre piaciuto del Natale è lo spirito di buona volontà e di gioia che porta, giusto in tempo per entrare nel nuovo anno con lo spirito giusto e per ricominciare tutto.” Aggiunge Razak che “come nazione di moderati dobbiamo usare ogni occasione per costruire una comprensione migliore tra Malesiani di fedi e culture diverse. Ho sottolineato questa mia convinzione

poliziotti malesiani davanti ad una chiesa bombardata a Taiping il 10 gennaio 2010

poliziotti malesiani davanti ad una chiesa bombardata a Taiping il 10 gennaio 2010

lo scorso luglio, quando sono andato a far visita a Papa Benedetto XVI a Castelgandolfo e a stabilire relazioni diplomatiche tra la Santa sede e la Malesia.”. Il Primo Ministro della Malesia ha concluso il suo messaggio di Natale augurando un Buon Natale a tutti i Cristiani. Certo un grande progresso in confronto a quasi due anni fa, quando la Corte Costituzionale emise un verdetto che autorizzava i Cristiani ad usare il termine “Allah” per “Dio” nelle loro Bibbie, scatenando l’ira di una fascia ignorante e fanaticizzata della popolazione  che reagì al verdetto facendo detonare ordigni esplosivi in ben otto chiese.

la casa di pan di zenzero nel ristorante del mio hotel

la casa di pan di zenzero nel ristorante del mio hotel

Nell’hotel dove alloggio ci sono tutte le decorazioni di rito della tradizione di stampo anglosassone: alberi di Natale, una grande casetta di zenzero e menu natalizio con tacchino. Non il Presepe, appunto, in quanto mediterraneo e cattolico.

In televisione mostrano immagini da tutto il mondo. Mentre BBC & CNN danno rilievo al folle che ha massacrato 7 persone per poi togliersi la vita negli USA, o alle chiese bombardate in Nigeria, la televisione di stato malesiana mostra come il Natale sia stato festeggiato nel mondo. Dell’Italia dice che a Roma la Comunità di Sant’Egidio ha preparato mille pasti caldi per gli immigrati e i senzatetto. Sulla pagina economica un titolo icastico fa riflettere: “Rovescio di fortune: la retrocessione minaccia l’Europa mentre la valutazione dell’Indonesia avanza“.

cambio di fortuna

cambio di fortuna

Gli abitanti del Borneo sembrano sapere cosa succede nel resto del Mondo. Possiamo dire lo stesso noi in Italia?

decorazioni natalizie allestite dagli abitanti locali

decorazioni natalizie allestite dagli abitanti locali

Nel centro di Kuching le decorazioni natalizie sono state sistemate anche da ragazze dei vari gruppi etnici in costumi tradizionali. Anche qui, una grande differenza con la situazione centocinquanta anni fa, come la possiamo vedere nella foto in bianco & nero.

donne dayak a fine '800

donne dayak a fine '800

dal Borneo (segue, parte prima)– di Giovanni LOMBARDO

parte seconda: Viaggio nel Mezzogiorno Italiano attraverso la città di James Brooke





Share

About Author

nobilhuomo

Giovanni vive da 10 anni a Singapore ed è un professionista dinamico, orientato ai risultati, con esperienza nella vendita & business development nei campi dell'enogastronomia ed in una vita precedente dell'industria di pelletteria e calzatura di lusso. Avendo viaggiato molto nel Mondo, si adatta velocemente alle sfumature culturali "locali" e gli attribuiscono un talento per la ricerca di soluzioni in un ambiente internazionale contemporaneo. Ha una natura amichevole, senza pretese e la capacità di parlare 8 lingue [Italiano, Greco moderno, Inglese, Bahasa, la lingua parlata da 300 milioni di persone in Indonesia, Francese, Spagnolo, Tedesco e Portoghese] e di scherzare in altre 5.

(0) Readers Comments

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


sei − = 3


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>