Palestine: the human dimension

Redazione - 8 febbraio 2014

Storia di Kavian, l'iraniano che aiuta i senzatetto in Svezia

Redazione - 8 febbraio 2014

Neknomination, il gioco alcolico online che uccide

Redazione - 8 febbraio 2014
empty image
empty image

neknomination1Due giovani irlandesi sono morti in poche ore lo scorso fine settimana per un gioco alcolico diffusosi online. Sabato 1 febbraio un giovane di 23 anni, Ross Cummins, è stato trovato morto nella sua camera da letto a Dublino dopo una notte trascorsa fuori. Domenica 2 febbraio Jonny Byrne, 19 anni di Leighlinbridge, è stato trovato morto in un fiume.

Entrambi le morti sono legate a un nuovo gioco online chiamato appunto Neknomination. Una persona beve qualcosa di alcolico e posta sui social network un video della bevuta, quindi nomina qualcuno, che a sua volta beve, posta e nomina. Il gioco è nato a Londra, si è diffuso in Australia ed è stato introdotto in Irlanda da alcuni giovani irlandesi che vivono all’estero.

neknominationPerché si arriva a morire? Il primo ragazzo aveva bevuto una pinta di whisky. Non si sa cosa avesse bevuto Jonny ma sicuramente qualcosa di forte perché i suoi amici hanno raccontato che “era terrorizzato dall’acqua”, quindi non si sarebbe mai buttato in un fiume in condizioni normali.

Fra i giovani al gioco si aggiunge la voglia di esagerare e primeggiare, spesso vengono bevute grandi quantità di alcol in poco tempo, come nel caso di Ross Cummins, oppure cocktail strani e micidiali (Jonny Byrne). Chi rifiuta la nomination è oggetto di bullismo online.

In Irlanda gli appelli a fermare questo gioco si sono moltiplicati, fra coloro che hanno implorato i ragazzi di fermarsi ci sono l’arcivescovo di Dublino Diarmuid Martin, che ha dato la colpa “alla pressione creata dai social media e alla cultura irlandese del bere”, e il primo ministro Enda Kenny. Il ministro della comunicazione Pat Rabitte ha dichiarato che gli piacerebbe vedere Facebook rimuovere la pagine sulla Neknomination. Il social network ha rifiutato ogni addebito.

Damiano Vezzosi

Leggi il blog di Damiano Vezzosi: Irlandesi Brava gente

Leave a comment

*