Bruxelles, alla maratona di corsa

Redazione - 1 ottobre 2013

Indebito, la crisi greca nel film di Vinicio Capossela

Redazione - 1 ottobre 2013

Nest of Dust, Nido di Polvere

Redazione - 1 ottobre 2013
empty image
empty image

netofdustNoi di AND l’abbiamo già comprato sulla fiducia: fosse anche solo per il nome della casa editrice – Edizioni Inaudite, Collana Gli Irrilevanti – Nest Of Dust (Nido di Polvere) della nostra Barbara Fragogna – proprio lei, l’autrice della saga L’amore ai tempi di Facebook – vale il prezzo del biglietto. Appena 20 euro.

Libro d’Artista stampato in edizione limitata di 225 copie, ognuna delle quali autografata dall’artista e con un disegno originale inedito, Net of Dust è un’opera in tre volumi. In formato A5 alterna opere concettuali a testi in italiano ed in inglese.

Eccovi qualche piccola anticipazione testuale e fotografica

Da “Sette Introduzioni a Sorpresa”

> Intro a sorpresa n°0 | INTRO’s INTRO
E’ molto importante leggere le introduzioni.

>>>> Intro a sorpresa n°3 | KEEP CALM
Rilassati, non è sangue, è pomodoro.

***

“L’opera incomprensibile
è interpretabile.”

***

“Qualsiasi insignificante dettaglio
sostiene una tesi
mal costruita.”

***

netofdust1

Capitolo 3
COME TU MI VIEWi o SULL’APPROSSIMAZIONE 1

Nessuno poi si è più chiesto: “Ma l’artista sa eseguire?”
Luciano Fabro, Arte torna arte, Einaudi, 1999

Ce l’hanno data parecchio a bere con quella storia del professionista altamente specializzato. All’americana. Ognuno sa fare una cosa sola, ma la sa fare BENISSIMO (per esempio: Filtri dell’aria. Ill. 5). Quando uno poi sa fare una cosa sola benissimo, dopo un po’ si annoia e ha voglia di variare e siccome è in grado di dare giudizi dettagliati e pertinenti su uno specifico argomento che eleva gli standard delle sue discussioni allora crede di essere in grado di dare giudizi altamente specializzati anche su altre cose, perchè no, comincerà in principio ad emettere verdetti sugli argomenti correlati la sua “materia” (per esempio: il movimento delle masse di aria atmosferica usando i termini “ciclonica” ed “anticiclonica” perchè riempiono bene la bocca Ill. 6) e poi, notando che il suo pubblico si lascia bambasciare dalla  scioltezza giaculatoria allora si allargherà, prima timidamente e poi pomposamente a panzer anche su tutto ciò che da lui stesso è conosciuto per estensione o assonanza (per esempio: i ciclopi e i ciclostili. Ill. 7 e 8). Catena associativa: filtro dell’aria – aria atmosferica – masse cicloniche – ciclopi – ciclostili.

Moltiplichiamo questa formula per tutti gli esseri umani che si autocensiscono degni di dettar giudizio ed otterremo il WikiWorld. D’altra parte oggi tutti (nelle cosidette società cilvili) possono avere un’opinione dentro alla propria testa e la testa è un net di impulsi e il personal computer o il laptop sono un’estensione di memoria, una memoria esterna per dire, quindi un’estensione del cervello, della mente, della persona insomma. Queste opinioni senza neanche rendersene conto diventano un pubblico “dominio”, siamo animali socievoli quindi condividiamo. Siamo esseri umani educati quindi “twittiamo” nozionismi riassuntivi.

Tutto sommato, finchè un’opinione non viene smentita, discussa o criticata, quell’opinione può elevarsi alla casta ideale di presunta Verità. Per smentire un’opinione su di un preciso argomento a caso bisogna essere specializzati oppure correlati. Possiamo correggere le opinioni con altre opinioni, mitigare o inasprire una storia, credere ciecamente a qualsiasi assunto sparato con convinzione o non credere più a niente perchè tanto è tutto inventato.

Amiamo l’approssimazione perchè ci regala risposte veloci, magari immagini così non siamo costretti a leggere, se è un video anche meglio. Non è necessario smentire perchè tanto tra due minuti te lo sei dimenticato. Oppure lo racconti ad amici e parenti come dato di fatto da raccontare a catena. Di Sant’Antonio.

In fin dei conti il discorso sulla specializzazione si regge su piedi di sabbia. Non è più importante sapere ma è importante “sapere che almeno uno di noi sa”. Non è necessario avere una memoria interna (conoscenza) perchè Google (e simili) ha tutte le risposte in un clic. I nostri cervelli sono tubi dove scorrono flussi di dati imprecisi che vengono selezionati, visualizzati e cestinati. Poco o niente mette radice.
Per fortuna.

Vol.1 TEXT: 76 pages
Vol.2 PHOTO: 56 pages, b/n foto
Vol.3 STUFF: 72 pages, b/n immagini

To book your copy write please to: bfragogna@gmail.com

Leave a comment

*