World Social Forum a Tunisi

Redazione Padova - 27 marzo 2013

Federico perdonaci

Redazione Padova - 27 marzo 2013

Italia, un giornalista minacciato al giorno. Un sito ne raccoglie le storie

Redazione Padova - 27 marzo 2013
empty image
empty image

Ogni giorno un giornalista, spesso precario senza appoggi, coperture, viene minacciato a causa del suo lavoro. Fondazione <ahref vuole portare alla luce quanto sta succedendo, vuole raccontarlo, ed ecco quindi  “Ma chi me lo fa fare – Storie di giornalisti minacciati”: inchiesta multimediale e interattiva di Andrea Fama, Isacco Chiaf e Jacopo Ottaviani premiata da un contest di Fondazione <ahref e dedicata alle storie dei giornalisti che ogni giorno in Italia subiscono minacce e intimidazioni.

L’inchiesta si può leggere su www.giornalistiminacciati.it. : ecco come viene presentato il progetto nel sito.

L’Italia è uno stato democratico e come tale garantisce i diritti umani fondamentali. Tra questi la libertà di informazione. Ma quanto si può definire libera l’informazione in un Paese dove praticamente ogni giorno un giornalista viene minacciato perché prova a fare il suo lavoro? Dove affonda le radici un dato così allarmante, e quali sono le sue dimensioni effettive? In Italia esiste senza dubbio il pluralismo dell’informazione, ma la sua libertà è davvero garantita? Molti dei 324 giornalisti minacciati nel solo 2012 sono giovani, precari, forzatamente indipendenti. Un sistema che non è in grado di tutelare professionalmente i giornalisti non può certo tutelarne l’incolumità, a fronte di intimidazioni usate anche come strumento di censura preventiva. Ma la luce del sole può agire da disinfettante per questa piaga dell’informazione, favorendo una risposta consapevole e collettiva a intimidazioni che piovono tanto sotto forma di lettera minatoria per mano di sgherri locali, quanto sotto forma di querela a firma di rispettabili avvocati. E in più aggressioni, incendi, danneggiamenti. Una risposta, dunque, che richiede la presa di coscienza e l’intervento deciso di tutti gli attori responsabili, non sempre all’altezza di ruoli e aspettative: dalle istituzioni giornalistiche a quelle dello stato, dalla politica alla società civile, passando per gli stessi operatori dell’informazione.  Il fenomeno dei giornalisti minacciati è da anni attentamente monitorato dall’osservatorio Ossigeno per l’Informazione, che nei suoi rapporti annuali ha efficacemente tratteggiato i contorni di un quadro dai molti lati oscuri, insidioso, complesso, ignorato. Un iceberg la cui parte sommersa è difficile definire, “perché una delle finalità di chi intimidisce i giornalisti è proprio quella di nascondere all’opinione pubblica queste violenze e questi abusi, che perderebbero efficacia se fossero conosciuti”. Storie di Giornalisti Minacciati è il tentativo di dare maggior voce al lavoro di Ossigeno, scattando una fotografia in movimento del fenomeno, e diffondendola attraverso una narrazione che fa dell’elemento partecipativo la sua naturale sintassi.

Leave a comment

*