8 marzo a Shangai: mezza giornata di ferie all'insegna del consumismo

Redazione - 9 marzo 2012

8 marzo, Londra se ne frega

Redazione - 9 marzo 2012

OstregaLatina!, filmati fino alla fine del mondo

Redazione - 9 marzo 2012
empty image
empty image

Un viaggio per immagini attraverso il Sudamerica. La carovana di Ostrega! s’impossessa, mercoledì 14 marzo, a partire dalle 21, del Teatro Accademico, il salotto buono di Castelfranco Veneto (Treviso), per raccontare OstregaLatina!, il progetto che ha portato i suoi 34 membri a percorrere il Cono Sud andando ad incontrarne le comunità venete. Da Rio de Janeiro alla Terra del Fuoco attraverso il Brasile meridionale, l’Uruguay, l’Argentina del Nord, le Ande, il Cile, la Patagonia, fino ad arrivare a Ushuaia, la città più meridionale dell’Emisfero Australe, anche nota come Fin del Mundo.

A raccontare la spedizione saranno i filmati girati dal reporter trevigiano Dimitri Feltrin, che andranno a confluire in un dvd. Durante la serata dell’Accademico verranno proiettate delle anteprime che racconteranno le fasi più salienti della spedizione: dalle cascate di Iguazù, all’attraversata delle Ande, dagli incontri con i Veneti del Rio Grande do Sul alla partita di calcio Ostrega!-Cile a Santiago, dalle immense distese della Patagonia ai ghiacci del Perito Moreno. Sempre con un occhio rivolto al simpatico e goliardico equipaggio dell’Ostrega! Bus, di cui vengono messe in evidenza avventure e peripezie, tra le quali lo sciopero aereo che ha bloccato per due giorni il gruppo tra Argentina e Cile costringendolo a rientrare con 2 giorni di ritardo.

Alla colonna sonora del reportage partecipano anche alcuni dei musicisti più del panorama trevigiano: dal Quartetto Desueto a Leo Miglioranza, da Giorgio Barbarotta ai Los Massadore, fino al giovane compositore di musica elettronica Michael Lovisa.

Nel corso della serata Matteo Guidolin e Francesco Quarto, rispettivamente Presidente e Vicepresidente di Ostrega!, illustreranno i progetti futuri dell’Associazione Culturale di Riese Pio X, che presto si materializzeranno in un libro fotografico e in una mostra che girerà il Veneto.

Leave a comment

*