Viaggio in Sudan: le piramidi di Karima, la capitale nubiana

Redazione Padova - 12 giugno 2012

Tacheles, la fantasia in piazza

Redazione Padova - 12 giugno 2012

Porno Bloc: la Romania post comunista e il suo lato morboso

Redazione Padova - 12 giugno 2012
empty image
empty image
Dopo il successo della versione cartacea, esce in versione ebook con Lite Editions, “Porno Bloc. Rotocalco morboso dalla Romania post Comunista” di Lorenzo Mazzoni & Marco Belli. La postfazione è di Mihai Mircea Butcovan che è anche il traduttore della versione in lingua romena.
Il fotografo Marco Belli e lo scrittore Lorenzo Mazzoni descrivono la Romania di oggi attraverso una lucida provocazione che governa l’intero romanzo. Una sorprendente e originale storia sullo Stato carpatico, garantita non solo dal riferimento poco letterario del titolo: porno non abbisogna di apparati filologici; bloc in romeno indica un edificio di numerosi appartamenti, tutti squallidamente uguali, quegli anonimi casermoni del socialismo reale, descritti dagli autori nel testo e nelle fotografie. Il loro viaggio si è svolto soprattutto a Bucarest, la Parigi dell’est (com’era chiamata negli anni ’30) e diversamente da altri viaggiatori- turisti della nostra epoca, attratti da volgari safari fotografici nei Paesi dell’ex blocco sovietico, e in particolare nella vampiresca «Republica  Populara Romîna» d’antan, Belli e Mazzonisono due studiosi e ricercatori dalla solida preparazione accademica che conoscono profondamente il Paese. Lo scrittore e poeta romeno Mihai Mircea Butcovan nella sua postfazione al romanzo, osserva: «Non piacerà questo libro a molti romeni che storceranno il naso. Lo leggano come un libro di fantascienza e, come i lettori di fantascienza, facciano i collegamenti che vogliono con la realtà. Ed i lettori italiani non usino questo testo per denigrare ulteriormente un Paese e il suo popolo. Abbiano il coraggio di non strumentalizzare un’avvincente fantastoria, movente di fantasia ma non di morbosità».
In una Bucarest estiva, calda e caotica, Boris, un oscuro personaggio in balia dei propri vizi e delle proprie debolezze, deve partecipare a una ‘misteriosa conferenza’. Durante i suoi allucinati pellegrinaggi metropolitani incontra Zoia, una ragazza sensuale e misteriosa, e inizia con lei un gioco di erotismo, perversione e follia. Fra bambini di strada, bloc di periferia, locali notturni e un’umanità in disfacimento, Boris muove i suoi incerti passi fino al tragico, sorprendente finale. Un libro dove fotografia e testo si rincorrono e si intrecciano, creando uno strano e morboso rotocalco contemporaneo su una realtà, quella della capitale romena, inedita e fascinosa.

3 comments

Leave a comment

*