Arrivederci, Sud Sudan!

Redazione - 18 febbraio 2013

Ecuador, la revoluciòn di Correa

Redazione - 18 febbraio 2013

Reportage dal Libano

Redazione - 18 febbraio 2013
empty image
empty image

Diciamolo subito, la cosa più bella è la copertina. E questa non è una recensione ma una segnalazione. Perché “Reportage dal Libano” (Chichili, Agency, 2012) di Antonella Colonna Vilasi – esperta di intelligence, autrice di diversi testi – è un libercolo (53 pagine) acquistabile in e-book che vuole raccontare il paese dei cedri “tra guerre, servizi segreti e primavera araba”. Contiene rapidi scorci riguardanti un paese del Medio Oriente tormentato dalla divisione interna. Un po’ troppo rapidi e un po’ troppo scorci.  Una serie di interviste (anonime però…) provano a dare un quadro della situazione del paese. Ma il risultato sinceramente – ma è sicuramente colpa nostra – appare molto confuso.

Comunque, per chi volesse saperne di più direttamente dall’autrice: Antonella Colonna Villasi presenta i libri Reportage dal Libano ed Islam tra pace e guerra (Città del Sole edizioni) il 1 marzo alle 18 nella libreria ODRADEK in via dei Banchi Vecchi, 57 a Roma.

Questa la presentazione ufficiale fornita dall’autrice:
“Così troviamo subito il riferimento all’assassinio dell’ex primo ministro Rafiq Hariri nel 2005, delitto che ha provocato una sollevazione di massa e quindi il ritiro delle truppe siriane. La cosiddetta “Svizzera del Medio Oriente” si è trovata ancora una volta alle prese con i suoi drammi interni e le difficoltà di rapportarsi alle pressioni esterne che gravano sullo sfortunato Stato dei “cedri”. Visitare quelle terre – scrive l’autrice – è come ripercorrere momenti storici collegati a tradizioni di popolazioni che hanno contribuito a formare un paese, dal tempo dei fenici, determinante per la vita del Mediterraneo. Ma su eventi più recenti sono i riferimenti principali, da quando nel 1984 è nata la seconda repubblica libanese, che determinò l’esilio di Amin Gemayez mentre nel 2005 il citato assassinio di Hariri riaccese i fuochi interni, con la serie di scontri provocati dalla contrapposizione tra i gruppi interni di differente collocazione etnica, religiosa, politica e militare.

Seguirono l’intervento di Israele con bombardamenti che fecero regredire la situazione e infine la risoluzione ONU che impose la cessazione delle ostilità, il ritiro delle truppe israeliane e il disarmo delle milizie libanesi, a cominciare da Hezbollah. Ecco qui siamo ad un punto chiave, che Colonna Vilasi approfondisce spiegando, oltre all’ordinamento dello Stato, i caratteri propri di questa formazione politica di matrice sciita. Una radice risalente al pensiero di Khomeini e che Israele tentò di sradicare con l’ “operazione Furore” (1996-2000).

Segue una serie di interviste ad esponenti libanesi: da docenti e universitari a produttori di cinema e ad esponenti dell’intelligence libanese. Vengono così alla ribalta vari personaggi, specie giornalisti e intellettuali di diversa estrazione, e soprattutto il peso esercitato dalla “grande Siria”. Ne esce un quadro molto frastagliato e non è facile districarsi tra tanti contrastanti interessi e posizioni. L’intervista al generale Paolo Serra, capo missione dell’UNIFIG, consente di approfondire il ruolo affidato alla missione inviata dall’ONU. Il monitoraggio che ha condotto alla cessazione delle ostilità naturalmente lascia aperti problemi che chiamano in causa differenti responsabilità internazionali. Infine l’intervento del presidente del consiglio libanese offre ulteriori elementi di giudizio per comprendere come ancora gravami pesanti siano evidenti fattori di rischio per quell’intera regione mediorientale.

 

Leave a comment

*