Ai Weiwei, Pechino oscura il suo sito

Redazione - 5 aprile 2012

Un safari sul lago

Redazione - 5 aprile 2012

Sarajevo, 20 anni fa iniziava l’assedio

Redazione - 5 aprile 2012
empty image
empty image

L’assedio di Sarajevo cominciava vent’anni fa, il 5 aprile del 1992, fra il silenzio del Mondo e dell’Europa. Questo silenzio se lo ricordano bene i cittadini di Sarajevo: oggi è condensato in un monumento, una scultura di poco più di due metri nascosta in una piccola piazza dietro al museo della guerra.

Rappresenta una scatola di cibo, come quelle inviate dal Mondo ai cittadini assediati, sotto la rassicurante definizione di “aiuti umanitari”. Sulla base una firma, pregna di sarcasmo: “La riconoscente cittadinanza di Sarajevo.” Come a dire: grazie per tutto quelle che non avete fatto, grazie per non aver difeso una città patrimonio del mondo, grazie per aver chiuso gli occhi quando le certezze di un secolo crollavano insieme alla Jugoslavia.


Di tutto questo la guerra in Bosnia ne è simbolo. Ed è ancora di più l’assedio di Sarajevo: 1.425 interminabili giorni. Terra della convivenza multireligiosa prima, e poi emblema dell’odio etnico, assediata dai serbi ma che vantava il generale serbo Jovan Divjak primo fra i suoi difensori, laica e capitale dell’Islam. La città che in dieci anni è stata sempre al centro della scena: prima per le olimpiadi invernali, poi perché da quelle stesse montagne i cecchini sparavano ai cittadini inermi. E mentre la Biblioteca Nazionale Bosniaca bruciava, deliberatamente colpita dall’odio etnico, le democrazie di tutto il mondo manifestavano la loro impotenza. La Germania e il Vaticano, solerte nel sostegno alle terre cattoliche di Slovenia e Croazia. La Francia, che oltre a una passeggiata del Presidente Mitterand nel centro di Sarajevo non fu capace di altro. Gli Stati Uniti e la Gran Bretagna, capaci di esportare la democrazia negli angoli più remoti del pianeta ma inerte quando si trattava di difenderla a due passi da casa. L’Olanda, mentre il suo esercito guardava distratto quello che succedeva a Srebrenica sancendo l’impossibilità delle Nazioni Uniti di fare quello per cui erano nate, ovvero “salvare le future generazioni dal flagello della guerra”.
La guerra ci fu. E fa strano che oggi a criticarla siano proprio quelli che l’hanno combattuta. In questi giorni, infatti, ex soldati serbi, bosgnacchi e croati si sono ritrovati tutti assieme, ormai alleati, a protestare di fronte al Parlamento bosniaco per chiedere il diritto alla pensione. Nella loro protesta si legge l’amarezza di chi, vent’anni dopo, ha scoperto di essere stato ingannato da coloro che, nascondendosi dietro la bandiera del nazionalismo, non hanno fatto altro che conquistarsi frammenti di potere a discapito della gente comune. Croati, serbi o musulmani.

Andrea Ragona

Leave a comment

*