Immersi nella barriera corallina: ha le ore contate

Redazione - 13 aprile 2012

Il Tacheles manifesta, ecco le foto da Berlino

Redazione - 13 aprile 2012

Sarajevo mon amour, il generale Divjak a Venezia

Redazione - 13 aprile 2012
empty image
empty image

«Vivo da 40 anni nello stesso quartiere, a Sarajevo, a due passi da un’antica chiesa ortodossa e da una moschea del XVI secolo. E salendo appena, da casa mia, raggiungo il seminario cattolico. Prima della guerra, quest’armonia, nata dalla differenza, si ritrovava nella vita d’ogni giorno… Sarajevo m’ha aperto gli occhi. Ero stupito nel vedere una città così ricca di grandi qualità umane, soprattutto la tolleranza e la generosità».

Sono le parole di Jovan Divjak. Generale di origine serba, durante l’assedio di Sarajevo del ’92-’95 rimase a capo dell’esercito bosniaco in difesa della città. Lunedì 16 aprile alle 17.30 sarà nella sala del Consiglio di Ca’ Farsetti a San Marco, Venezia per presentare il libro Sarajevo Mon Amour (Infinito Edizioni).
Intervengono Gianfranco Bettin, Assessore alle politiche giovanili e Pace e Alberta Basaglia, responsabile del Servizio Partecipazione giovanile e Culture di Pace Comune di Venezia.

La guerra, le figure fosche di Milosevic, Karadzic e Mladic, ma anche le contraddizioni e i voltafaccia della componente musulmana durante la guerra e i nazionalismi sorti dalla devastazione bellica sono rivelati e spiegati in un libro carico di pathos destinato a finire tra i grandi volumi di storia.

In questo libro, il militare serbo che difese Sarajevo, che ha “adottato” un nipote musulmano (foto di copertina) e ha fondato la più grande associazione nazionale per aiutare gli orfani di guerra, racconta le bombe, le tribolazioni dei civili, i doppi giochi dei politici bosniaci e della comunità internazionale, la miseria e il desiderio di una pace che in Bosnia non è ancora davvero arrivata.

«Che vuoi che ti dica, compagno Divjak. L’unica cosa che ci resta è l’amore per questa straordinaria terra e per questa città unica al mondo che tu hai difeso con onore e che continui a onorare occupandoti degli orfani di guerra. Posso dirti che ti ringrazio per quello che hai fatto e che fai, ignorando i briganti oggi al potere. Dirti che amo ancora quel luogo come se l’avessi lasciato ieri. Ci torno, e il tempo è come se non fosse passato. Per me è tutto come allora, quando vidi Sarajevo la prima volta sotto la Luna, sotto le ultime nevi dell’Igman» (dall’introduzione di Paolo Rumiz).

Leave a comment

*