Niuko: è veneta la formazione aziendale migliore in Italia

Redazione - 13 giugno 2017

Lorenzoni – Giordani, a Padova il laboratorio del «nuovo centrosinistra»

Redazione - 13 giugno 2017

Social trading e criptovalute, le novità degli investimenti online

Redazione - 13 giugno 2017
NiukoBarcamp03
giordani_lorenzoni
shutterstock_269336837

Il mondo del trading online si evolve in continuazione. E, in tale evoluzione, finisce con l’abbracciare alcuni segmenti finanziari che sarebbe opportuno non sottovalutare, al fine di potenziare le proprie opportunità di profitto. In tale ambito, social trading e criptovalute rappresentano certamente due approdi “privilegiati”, che nel corso degli ultimi mesi hanno attratto un crescente numero di investitori, attuali o potenziali. Ma di cosa si tratta? E perché sempre più persone stanno partecipando a questi segmenti con particolare enfasi? Cerchiamo di saperne di più, con un breve riassunto su due trend da non perdere!

Il social trading

Promosso e incoraggiato sul mercato italiano del trading online dall’opera di alcuni broker particolarmente noti e apprezzati, il social trading è certamente una delle più interessanti evoluzioni del mondo degli investimenti finanziari via web. Sotto tale nome finiscono infatti con l’essere ricomprese una serie di servizi e di attività che inducono una più profittevole collaborazione tra i trader, che all’interno di piattaforme apposite (simili a veri e propri social network) hanno l’opportunità di colloquiare tra di loro, confrontarsi sulle rispettive strategie, proporre varie forme di investimento, condividere feedback e opinioni, e tanto altro ancora.

Con tale premessa, risulta essere particolarmente chiaro quale possa essere il principale fine del social trading, rappresentato dalla possibilità di accrescere, professionalmente e non solo, il singolo trader: dallo scambio di conoscenze e di competenze con gli altri trader sarà infatti possibile desumere importanti valori aggiunti nella propria crescita formativa, da replicare e da applicare nei contesti operativi.

Ad ogni modo, quanto sopra non è certamente l’unico motivo per cui tantissimi investitori nel corso degli ultimi anni si sono mossi con particolare convinzione nei confronti del social trading: il social trading – inteso come utilizzo di una piattaforma sociale di condivisione di informazioni – si è infatti a sua volta evoluto nel copy trading (manuale o automatico), ovvero nella possibilità di poter partecipare al profitto di altri investitori.

Con il copy trading, il trader (ipotizziamo, prevalentemente “neofita” o, comunque, principalmente interessato al rendimento piuttosto che alla costruzione di una propria personalissima strategia di inserimento nei mercati finanziari) sceglierà altri investitori da “seguire”, copiando in tutto o in parte le loro strategie. In tal modo, il trader che copia riuscirà a partecipare all’eventuale (sperato!) profitto del trader “guru”, mentre il “guru” riuscirà ad acquisire notorietà e importanza, e otterrà un riconoscimento (anche economico) dal broker attraverso cui esercita le proprie operazioni.

Il meccanismo di copy trading, prevalentemente automatizzato (una volta che il trader “follower” imposta le proprie opzioni di investimento preferenziale), è semplice e comodo da gestire. Potete sperimentarlo in prima persona andando ad aprire un conto demo presso uno dei broker che lo prevedono tra i propri servizi, e utilizzandolo in tal modo in condizioni di piena sicurezza.

Criptovalute

Un altro dei grandi trend contemporanei del trading online è rappresentato dall’investimento nelle criptovalute. La più nota e conosciuta è sicuramente Bitcoin: nata nel 2009, si tratta di una moneta elettronica che mediante una particolare sistema peer-to-peer è oggi negoziata (quasi) come se fosse una moneta avente corso legale, ed è sempre più accettata dai negozianti per il regolamento delle operazioni di vendita.

Con una simile caratteristica di sintesi, le criptovalute sono divenute uno strumento di investimento in sé, o un asset da utilizzare per i propri investimenti derivati. È dunque possibile sia acquistare criptovalute nel mercato “spot”, acquisendole all’interno di specifici portafogli elettronici, con un’ottica prevalente di medio termine, oppure è possibile utilizzare le criptovalute (come i già ricordati bitcoin) come asset sottostanti investimenti di natura derivata, come le opzioni binarie o i contratti per differenza (in questa ipotesi, con intenti prevalentemente speculativi e di breve o brevissimo termine).

Anche in questo caso, come già abbiamo avuto modo di rammentare in occasione del breve focus sul social trading, vi ricordiamo che è possibile sperimentare il funzionamento degli investimenti nelle criptovalute andando a individuare un buon broker, qualificato e regolamentato, in grado di proporvi un conto demo che possa essere utilizzato come una vera e propria palestra di allenamento, nella quale cercare di comprendere se la propria strategia di trading finanziario possa o meno essere sostenibile all’impatto con i mercati.

A proposito di strategia, ricordate sempre di inquadrare i vostri investimenti all’interno di un più ampio piano finanziario che possa permettervi di affrontare con maggiore sicurezza ogni attività di investimento sui mercati finanziari, e che perfino (e soprattutto!) le attività di social trading dovrebbero essere attentamente ponderate sulla base del vostro profilo di rischio e di quello del trader da copiare, evitando nella facile tentazione di selezionare il trader che ha i rendimenti migliori (dietro i quali potrebbero celarsi dei rischi finanziari particolarmente elevati, a fronte di redditività non ripetibile).

Detto ciò, avvicinatevi sempre al mondo degli investimenti finanziari con l’opportuna cautela e forti di un’attenta pianificazione strategica e… buon trading!

Leave a comment

*