Fra le sanguisughe e l'orchestra naturale della giungla

Redazione - 28 novembre 2011

Festival Livres en tête, Pennac e gli audiolibri

Redazione - 28 novembre 2011

Stranieri al voto: ecco i dati ufficiosi dalle urne per ogni candidato. Il test e' riuscito

Redazione - 28 novembre 2011
empty image
empty image

Ecco i dati assolutamente ufficiosi dalle urne:

Codreanu 45. Lumban Avenido 208. yanevych 33, Xia Jing 396, Dumbravanu 107, Deligente 238, Martynyuk 57, Audu 18, Ariola Penarubia 101, Mude Koko 18, Marcinschi 98, Moufaguid 28, Ikhine 62, Kouame 29, Kayim 32, Ostapyuk 39, Shah 171, Bhuiyan 289, Ugmandadige 110, Rrapi 12, Ruppage 50, Cervantes 28, Azakay 210, Sarviry 35, Cebanu 42, Fall 11, Cenolli 70, Diop 41, Kongolo 40, Panasyuk 20, Nansi 3, Ogbomo 81, Asurappulige 25, Nagara 24, Hannou 132, Cernomorcenco 48, Silva 178, MD. Ashek 105, Ogaraku 154, Menga 38, Amane 40, Nzenwa 46, Keshi 38, Haroon 60, Malijan 108, Vergara 119

Il quorum di 2.694 votanti e’ stato raggiunto poco dopo le 18. Per fine serata si conta di raggiungere la soglia di 3.500 votanti. Piu’ del 20 per cento degli aventi diritto: ovvero tutti gli stranieri extracomunitari con almeno  18 anni residenti nel Comune di Padova. Il sindaco Flavio Zanonato li aveva chiamati alle urne per eleggere la consulta, da 15 a 25 membri, che eleggerà il consigliere straniero, pronto a rappresentare le loro istanze (senza diritto di voto) al consiglio comunale cittadino.

Ma il test ha una valenza molto piu’ ampia. Dopo il richiamo del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano al Parlamento perche’ riconosca il diritto di cittadinanza ai figli di genitori stranieri nati nel nostro Paese, quello di Padova  e’ un segnale lanciato alla politica nazionale: gli stranieri residenti in Italia, che in Italia pagano le tasse e qui stanno costruendo il proprio (e il nostro) futuro hanno la voglia e la forza di contare.

Sono 17.893 gli extracomunitari chiamati alle urne: il flusso di votanti è ancora alto. Possono scegliere fra 29 maschi e 17 donne: saranno rappresentante le 10 nazionalità numericamente maggiori in città, poi si aggiungeranno componenti fino ad arrivare ad un numero variabile fra i 15 e i 25. Almeno un quarto della consulta dovrà essere composta da donne: ma la sensazione è che la percentuale possa essere più alta.

6 comments

    1. Caro Gottardo (se non sbaglio lei commenta spesso anche il blog del direttore del Mattino di Padova), è semplicemente un articolo informativo. Non è moscio, dice quello che è successo, dà ai lettori degli strumenti. Non è che tutti gli articoli devono fare spettacolo. Almeno non su anordestdiche
      cordialità

Leave a comment

*