L'altra spiaggia del lago: conoscere il mondo arabo

Redazione - 18 febbraio 2014

Tuttti i crimini della Corea del Nord: ecco il rapporto Onu

Redazione - 18 febbraio 2014

Sulle piste di Kühtai, paradiso dello sci

Redazione - 18 febbraio 2014
empty image
empty image

A mezzora di macchina da Innsbruck, direzione sud-ovest,  nascosto in fondo a una valle, si erge Kühtai, il più alto ski resort austriaco. Questo piccolo centro, fatto di qualche hotel, poche case-vacanza e una decina tra bar ristoranti, sorge a duemila metri sull’altezza del mare, stretto tra alte montagne le cui vette oscillano tra i 2.800 e i 3.000 metri. In circa trecento metri, proprio lungo il paese, partono decine di impianti di risalita. Della serie: esci dall’hotel e ti metti subito in coda per lo skilift.

In tutto sono 44 i chilometri di piste, con una leggera predominanza di piste rosse, alcune temerarie nere e poche blu. Ma il tutto all’interno di un paesaggio incantato e verticale che offre sciate fino a  maggio (anche grazie agli impianti di innevamento artificiale) e passeggiate tutte da scoprire in estate. Come ad Innsbruck tutto è pensato per consentire allo sciatore di dimenticarsi dell’auto: Kühtai infatti è collegata da uno shuttle bus sia con la capitale del Tirolo che con la vicina Ötztal. Se dovete noleggiare gli sci il noleggiatore viene a prendervi direttamente in hotel con un pulmino e dal retro imboccate direttamente la pista.

Oltre alle piste da sci – alcune aperte anche in notturna – è da segnalare un percorso acrobatico per snowboard (salti e paraboliche) veramente spettacolare accanto all’hotel Alpen Rose, all’uscita del paese in direzione Otztal. Proprio accanto all’albergo sorge anche l’Igloo Hotel: dodici camere ricavate dal ghiaccio nelle quali dormire in coperte di pelliccia e sacco a pelo. Un’attrazione che offre diverse attività sportive anche per la notte, come ciaspolate o discese in slittino. Se è tutto prenotato (come spesso capita) potete comunque provare l’esperienza di un aperitivo sorseggiato nell’igloo bar. Per maggiori informazioni: www.innsbruck.info

Se ti interessa l’Austria leggi anche: Viaggio a Innsbruck; Innsbruck, sulle tracce di Andreas Hofer;

Leave a comment

*