Ferrara smarrita, una settimana dopo il terrremoto

Redazione - 29 maggio 2012

Balkania: un giugno di incontri e spettacoli a Mestre

Redazione - 29 maggio 2012

Transilvania, tensione tra Romania e Ungheria

Redazione - 29 maggio 2012
empty image
empty image

I giorni scorsi, leggendo la stampa romena, sono rimasto colpito dalla virulenza del dibattito scaturito in seguito alla richiesta ungherese di avere una propria università a Targu Mures, in Transilvania. Nonostante la costituzione preveda il diritto delle minoranze etniche di avere una istruzione nella propria lingua a tutti i livelli di insegnamento, le richieste degli magiari furono viste come una provocazione dalla maggioranza romena. Tutto questo mi fece riflettere molto su quanto poco conoscono i romeni la storia della Transilvania.
I libri di scuola ci insegnano ancora che i romeni ebbero due grandi nemici nella loro storia, i turchi e i magiari, essendo pieni di pathos nazionalistico. Se ormai i turchi non rappresentano nessun pericolo per i nazionalisti, i magiari rimangono coloro che vogliono distruggere la Romania. Certo, anche i nazionalisti magiari danno il loro contributo alimentando questo conflitto. I manuali scolastici, parlando della storia transilvana, mettono in risalto solo i conflitti tra le due nazioni e l’ingiustizia dei magiari dominatori nei confronti della pacifica popolazione romena. Tutta la storia transilvana nei nostri testi di  scuola abbonda solo di momenti di tensione, che feriscono peggio dei pugnali e sono usati come argomenti dalla maggioranza romena per impedire qualsiasi forma di affermazione culturale magiara. Per molti vale ancora l’arrogante argomentazione secondo la quale “chiunque mangia pane romeno deve parlare romeno”.
Ma qual é la vera storia di questa terra abitata da romeni e magiari? Dopo due secoli di contese pseudo-scientifiche sulla storia transilvana, forse sarebbe ora di mettere fine ai nazionalismi e guardare la realtà in faccia: in Transilvania esistono due nazioni, con due lingue e due culture diverse. Punto. La situazione non  é tragica…basta accettare questo dato di fatto per costruire poi una politica su misura, perché qualsiasi tentativo di modellare la realtà secondo i desideri nazionalistici sarebbe un fallimento…oppure peggio, trasformerebbe la Transilvania in un nuovo Kosovo.

Ci vuole onestà per riconoscere la specificità di questa regione tanto romena , quanto magiara. Nonostante la maggioranza sia romena, esiste una parte nel cuore della Transilvania dove i magiari sono maggioritari. In più, se avessimo la curiosità di studiare la storia, senza rigurgiti nazionalisti, ci colpirebbe il fatto che per quasi mille anni la Transilvania fu uno stato magiaro, nonostante la popolazione fosse in maggioranza romena. Nella lunga lista di voivodi (principi) transilvani, quasi tutti sono magiari. La struttura dello stato e delle sue istituzioni era più vicina al modello occidentale che a quello orientale, come nel caso della Moldavia e della Valacchia. Il paese era retto da una dieta di grandi nobili che eleggevano il principe, vassallo del regno ungherese. Di più, dopo la disfatta e l’occupazione dell’ Ungheria per mano dei turchi nel 1526, la Transilvania divenne il rifugio che permise la sopravvivenza dello stato magiaro. I principi magiari transilvani contesero all’ Asburgo, per più di un secolo, il diritto alla corona ungherese. Tutto questo portò all’ affermazione di una identità nazionale magiara in Transilvania, che ebbe uno sviluppo parallelo e spesso in conflitto con la formazione della coscienza nazionale dei romeni transilvani, in fratellanza con i moldavi ed i valacchi.
Con la fine della prima guerra mondiale, alla Romania fu riconosciuta la sovranità sulla Transilvania, anche in seguito al legittimo consenso della maggioranza romena, ma le fu chiesto di rispettare i diritti delle minoranze presenti sul territorio.  Personalmente, non credo che la Transilvania abbia bisogno di asili, scuole ed università separate in base all’appartenenza nazionale della sua popolazione, ma di una reale esperienza multiculturale. Non vedo motivo che impedisca l’insegnamento sia in romeno che in ungherese nella stessa università oppure nella stessa scuola. La segregazione culturale permetterebbe la rinascita dei nazionalismi. Frequentando invece lo stesso ambiente, i giovani sono obbligati a confrontarsi con la realtà e con l’identità dell’ altro, il diverso. Il nemico di ieri diventa il compagno di gioco, di banco, di università, l’amico e, perché no, il parente. La convivenza per mille anni tra le due nazioni insegna. Basta un po’ di buon senso da tutte le parti.

Teodor Amarandei

15 comments

  1. Che lei sa o no , noi conosciamo bene la storia della Romania…specialmente quella della Transilvania che sempre la Ungaria lo ha desiderato come essere terrà sua…In Italia , nella zona dove voi avete lottato tanto contra gli austrieci , oggi loro che sono la maggioranza li ,non chiedono università nella loro lingua…perchè sanno e lo hanno capito bene che il vostro paese si chiama Italia e che chi vive qui, se desidera , studia nella lingua ufficiale del vostro bellissimo paese.Negli anni ’90 il sindaco di Cluj Napoca , Funar , aveva dipinto tutte le bancarelle della città nel colore del nostro tricolore…appunto per ricordargli che li è terra nostra…ad ogni 10 anni loro dimenticano sempre…ma sempre

    1. Cara Angelica,
      Il mio paese è la Romania e sono convinto che la Transilvania apartiene alla Romania, per volontà della maggioranza della sua popolazione. Tuttavia, non credo che dobbiamo sminuire il ruolo storico dei magiari in Transilvania, tanto meno di umiliarli chidendo loro di rinunciare alla loro identità culturale. I conflitti del passato non devono essere motivi per una politica di esclusione. La diversità è una richiezza. Poi, certo che estremisti esistono anche tra di loro, ma con la tolleranza e il riconoscimento dei diritti delle minorità otteniamo il rispetto che vogliamo, con con la forza.
      Per quantoriguarda i diritti dei minoritari tedeschi in Italia, hanno autonomia totale nella regione Trentino-Alto Adige. Io invece vivo a padova dove di tedeschi non ci sono.
      Tanti saluti, teodor

      1. i Rumenii in Italia sono piu di 1 milione e 5000000 e non hanno un loro rapresentante in parlamento Italiano,invece in Romania ci sono 1500 di minoranza italiana storica che hanno un loro deputato.Dove sta la vera democrazia?

        1. É vero quello che dici…ma non si può applicare il principio della reciprocità. Dal punto di vista democratico, la costituzione romena è migliore, riconoscendo il diritto alla rappresentanza politica delle minoranze. Tuttavia una minoranza compatta con più di un milione di persone, come i magiari, hanno bisogno di qualcosa in più che la semplice presenza di rappresentanti in parlamento. Anche perché il loro ruolo storico è stato molto più importante nella storia transilvana. Tante cose buone, teodor

Leave a comment

*