"A Istanbul è in gioco la democrazia", lettera da Taksim

Redazione - 3 giugno 2013

Sogni d'oro nel Sud Sudan (senza ragni)

Redazione - 3 giugno 2013

Viaggio esotico nell'orientalismo

Redazione - 3 giugno 2013
empty image
empty image

Un viaggio esotico attorno al tema dell’orientalismo. Un viaggio che ora diventa mostra. Apre venerdì 7 giugno allo spazio espositivo “Torre reata del Castello” di Asolo  la mostra “Orientalismo: una rilettura” con fotografie della nostra Fatima Abbadi. La mostra, che rimarrà aperta fino a domenica 16 giugno 2011 si inserisce nella decima edizione di Fantadia  che si svolgerà ad Asolo dal 7 al 16 Giugno 2013 propone, oltre a installazioni, a spettacoli di interazione e a proiezioni in multivisione di grandi artisti stranieri ed italiani, la mostra fotografica di Fatima Abbadi.

E’ un tema che i lettori di AND, proprio grazie al blog di Fatimaconoscono bene.

Fatima Abbadi ci introduce in un viaggio esotico, che ci permette di seguire le tracce di quello che era il viaggio degli ‘orientalisti’, un fenomeno che ha preso forma nell’ottocento e che ha destato interesse da parte degli occidentali per la cultura, appunto, orientale. Nella loro documentazione descrivevano le carovane e gli accampamenti sotto le varie forme narrative, pittura e fotografia; del medio-oriente hanno immortalato scene di paesaggi biblici ed antichi, le rovine, il deserto, i beduini, gli indigeni del posto, scene di vita quotidiana, come il suq, le moschee e gli harem, un mondo che sin dall’inizio ha catturato con il suo mistero questa femminilità inaccessibile e raffigurata con le scene di odalische al bagno. Scene che spesso sono state costruite, non autentiche, con lo scopo di dare una visione misteriosa, mistica ed affascinate di quello che questo nuovo mondo poteva offrire.

Quello che rende diverso l’approccio di Fatima, invece, è che da fotografa italo-araba, appartiene ad entrambi i mondi orientale ed occidentale e, con i suoi scatti, oggi vuole mostrare una visione più realista e decisamente autentica. Dove i paesaggi e la gente sono reali e non teatrali, privi di scopi turistici o di scene pittoriche. La sua visione è più diretta e narra quello che è il suo mondo, senza nessun scopo di falsare la realtà, una visione fotografica, appunto, autentica, dal profumo davvero esotico e puro, senza nessun stereotipo tipico della fotografia orientalista.


Fatima Abbadi fotografa Italo-Giordana Palestinese, da qualche anno porta avanti lo studio delle origini della fotografia nel medio-oriente, sua terra di origine e di cui, per tanti anni, ha fatto parte. Affascinata dal  fenomeno dell’Orientalismo e dall’amore per le sue origini, i numerosi viaggi in medio-oriente l’hanno aiutata a portar luce ed una sana ed autentica visione fotografica, che, spesso, viene invece distorta dai media.

Cambiando prospettiva, leggi: Il mito dell’orientalismo

Leave a comment

*