Pedagogia, due master del Mag

nobilhuomo - 5 gennaio 2012

I figli dell'Ararat: il genocidio armeno raccontato da Antonia Arslan

nobilhuomo - 5 gennaio 2012

Borneo: un armadio dove si incontrano scheletri del tempo dell'Unificazione Italiana.

nobilhuomo - 5 gennaio 2012
empty image
empty image

 

frontespizio de l'Itinerario di Ludovico de Varthema, 1510

frontespizio de l’Itinerario di Ludovico de Varthema, 1510

Non mi aspettavo, mentre sfogliavo libri ottocenteschi nella biblioteca di Kuching, capitale di Sarawak, uno dei due Stati nel Borneo appartenenti alla Federazione Malesiana, che avrei scoperto legami antichi e poco conosciuti tra l’Italia e il Borneo.

Già’ Ludovico di Varthema, Bolognese, aveva visitato il quest’isola nel 1506 e ne aveva definito gli abitanti come pagani, ma buona gente, dove la giustizia viene amministrata in modo rigoroso, e da dove si esporta molta canfora.

il fiore dell'aro titano in una foto dell'epoca

il fiore dell’aro titano in una foto dell’epoca

Altri Italiani seguiranno più avanti ad esplorare e visitare sistematicamente il Borneo: il naturalista fiorentino Odoardo Beccari ebbe modo di conoscere Charles Darwin e James Brooke, il Rajah di Sarawak . Nell’aprile del 1865, non ancora ventiduenne, Beccari salpò con Brooke per Sarawak, dove soggiornò per 3 anni, compiendo numerose spedizioni e raccogliendo innumerevoli campioni di piante, conchiglie, farfalle e di altri insetti, ed animali vari. Il suo interesse principale divennero comunque le palme, di cui descrisse 130 specie in 25 differenti generi, e fu lui il primo a descrivere il fiore più grande del mondo: l’Amorphophallus titanum, o Aro Titano.

Odoardo Beccari

Odoardo Beccari

La passione del Beccari era stata vista dal governo Sabaudo con grande simpatia, per poter raccogliere informazioni sul Borneo, seppur non sulla parte di Sarawak dove era diretto, ma sulla parte più settentrionale. Qui si dirigevano le mire del governo Sabaudo per uno scopo vergognoso ed inumano, poco conosciuto ai giorni nostri, e fortunatamente mai riuscito: la deportazione in massa di coloro che ancora si opponevano alla rapina e all’occupazione militare dell’ex Regno delle Due Sicilie.

Certo puo’ sorprendere oggi pensare che allora ci fosse qualcosa da rapinare nel Mezzogiorno, dopo anni ed anni di propaganda in cui il Meridione italiano viene rappresentato esclusivamente come corrotto, inefficente e malavitoso. (Nessuno sembra ricordare che lo sbarco Alleato in Sicilia fu possibile grazie alla Mafia, reinstallata nel Paese dagli Americani dopo essere stata debellata da Mussolini).

In cosa consisteva la ricchezza del Regno del Sud? Il primo mezzo navale a vapore del Mediterraneo (una goletta) fu costruito non a Marsiglia ne’ a Genova, ma nelle Due Sicilie. La prima nave “italiana” ad arrivare, nel 1854, dopo 26 giorni di navigazione, a New York, era meridionale, e si chiamava -guarda un po’!- “Sicilia. Vini pregiati come quelli di Mastroberardino venivano esportati nelle Americhe. La bilancia commerciale con gli Stati Uniti era fortemente in attivo e il volume degli scambi era quasi il quintuplo del Piemonte. Il cantiere di Castellammare di Stabia, con 1.800 operai, era il primo d’ Italia per grandezza e importanza. Tutto sarebbe presto cambiato con l’occupazione piemontese. Dal Gennaio 1862 nell’ex Regno delle Due Sicilie vennero smantellate, oltre ad attività minori, le cartiere di Sulmona e le ferriere di Mongiana, i cui macchinari furono trasferiti in Lombardia. Furono fatte chiudere le fabbriche per la produzione di lino e canapa di Catania.

La disoccupazione diventò un fenomeno di massa e incominciarono da un lato le prime emigrazioni verso l’estero dei più intraprendenti o disperati, e dall’altro, il cosiddetto brigantaggio.

L’affidamento degli appalti (e delle tangenti coinvolte) per i lavori pubblici da effettuare nel Napoletano ed in Sicilia fu

moneta d'oro da trenta ducati del Regno delle Due Sicilie

moneta d’oro da trenta ducati del Regno delle Due Sicilie

dato ad imprese lombardo-piemontesi che erano pagate con il denaro  ricavato dalla tassazione straordinaria imposta dai piemontesi. Nel Regno delle Due Sicilie la tassazione era, nel 1859, di 14 franchi a testa. Nel 1866, sotto il nuovo ordine, le tasse erano già salite fino a 28 franchi a testa. I Piemontesi, già indebitati con gli Inglesi per l’aiuto ricevuto nel sopprimere i rivoltosi lealisti al precedente governo, diedero a varie ditte inglesi concessioni per operare i servizi nel Sud, come ad esempio la società per il gas pubblico di Napoli. La solida moneta aurea ed argentea borbonica venne sostituita dalla carta moneta piemontese. Lo stato sabaudo si era dotato di un sistema monetario che prevedeva l’emissione di carta moneta mentre il sistema borbonico emetteva solo monete d’oro e d’argento insieme alle cosiddette “fedi di credito” e alle “polizze notate” alle quali però corrispondeva l’esatto controvalore in oro versato nelle casse del Banco delle Due Sicilie.

Il problema piemontese consisteva nel mancato rispetto della “convertibilità” della propria moneta, vale a dire che per ogni lira di carta piemontese non corrispondeva un equivalente valore in oro versato presso l’istituto bancario emittente, a causa della spesa per gli armamenti dello stato. (Corsi e ricorsi storici: oggi qualcuno vorrebbe che l’Italia comprasse 131 aerei F-35)

 

10 Lire di Vittorio Emanuele II

10 Lire di Vittorio Emanuele II

A seguito dell’occupazione piemontese il Banco delle Due Sicilie (diviso poi in Banco di Napoli e Banco di Sicilia) si vide impossibilitato a prelevare dal mercato le proprie monete metalliche per trasformarle in carta moneta così come previsto dall’ordinamento piemontese, poiché in tal modo i banchi avrebbero potuto emettere carta moneta per un valore di 1200 milioni e avrebbero potuto controllare tutto il mercato finanziario italiano (benché ai due banchi fu consentito di emettere carta moneta ancora per qualche anno).

L’oro, invece, passò nelle casse piemontesi salvando il Piemonte dalla bancarotta.

Non solo: furono venduti, a prezzi irrisori, ai traditori liberali tutti i beni privati dei Borbone e gli stabilimenti pubblici civili e militari delle Due Sicilie, provocando quella grande devastazione economica dalla quale il Meridione italiano non riuscì mai più a risollevarsi completamente

1000 lire della Banca Nazionale del Regno d'Italia

1000 lire della Banca Nazionale del Regno d’Italia

L’imposizione delle leggi sabaude, sebbene questo fatto sia poco noto, fu implementata con gli stessi sistemi usati poi dai Nazisti nel 1943 durante la loro occupazione dell’Italia: impiccagioni, condanne a morte, terrore, tanto da suscitare moti di disgusto nell’opinione pubblica europea, e disapprovazione dei “tutori” inglesi del giovane regno.

Michelina De Cesare in veste da brigantessa e una volta catturata. Guardia Nazionale, Regi Carabinieri e Bersaglieri fucilarono migliaia di briganti. Spesso si facevano fotografare con le loro «prede» dagli occhi sbarrati. I corpi senza vita, anche di brigantesse (come Michelina De Cesare che fu esposta nuda), venivano mostrati nelle piazze, come monito, come fecero poi Repubblichini e Nazisti.

Michelina De Cesare in veste da brigantessa e senza vesti, una volta catturata.                                                                                                                     Guardia Nazionale, Regi Carabinieri e Bersaglieri fucilarono migliaia di briganti. Spesso si facevano fotografare con le loro «prede» dagli occhi sbarrati. I corpi senza vita, anche di brigantesse (come Michelina De Cesare che fu esposta nuda), venivano mostrati nelle piazze, come monito, come fecero poi Repubblichini e Nazisti. Da notare il volto tumefatto, probabilmente a causa di numerose percosse.

E’ qui che il Borneo entra in gioco negli schemi sabaudi. I Piemontesi, non potendo sostenere l’imbarazzo dell’opinione pubblica internazionale, si misero alla ricerca di un territorio dove fondare una colonia penale. Pensavano ad una specie di Cayenna italiana, nella quale intendevano deportare quindicimila persone legate ai Borboni.

Il 6 gennaio 1869 il generale Presidente del Consiglio e Ministro degli Esteri Luigi Federico Menabrea, savoiardo

Menabrea

Menabrea

di Chambery, scrive al comandante della nave Principessa Clotilde, (che si trovava davanti al Borneo), il capitano di fregata Carlo Alberto Racchia:

«…L’importanza dell’argomento segnatamente per ciò che concerne la possibilità di formare uno stabilimento sulle coste di Borneo ha deciso il sottoscritto di scrivere direttamente al Comandante della Piro-corvetta “Principessa Clotilde” per avere dal medesimo una relazione ragguagliata delle condizioni del paese dove si potrebbe impiantare quello stabilimento. Sin d’ora, ed anche soltanto dietro le informazioni avute sembra che il R. governo dovrebbe frapporre il minor indugio possibile ad inviare a Borneo un legno della R. Marina per esaminare minutamente ogni cosa ed anche per entrare in trattative positive e concrete per l’acquisto del territorio che ci è necessario per lo stabilimento che è in animo del R. Governo di fondare. Se l’invio di altra nave dello Stato dovesse essere molto ritardato, converrebbe forse che la “Principessa Clotilde” ricevesse istruzione di recarsi di nuovo a Borneo allo scopo sopra indicato».

Gli Inglesi e gli Olandesi, presenti da tempo in quelle terre, non erano favorevoli alla presenza italiana.

Salawati - immaginatevi un trentenne genovese qui nel 1869

Salawati – immaginatevi un trentenne genovese qui nel 1869

Alla fine del 1869, non riuscendo ad ottenere alcun risultato per timore dell’opposizione parlamentare, i militari decisero di usare un “contractor”, come si fa oggi, per evitare la condanna diretta da Regno Unito o Olanda. All’esploratore Emilio Cerruti fu dato l’incarico di andare in Nuova Guinea come privato per allacciare rapporti con le popolazioni locali. Il Cerruti, nato a Varazze il 28 novembre 1850, era tornato a Firenze nel 1870 con bozze di trattati firmati dai sultani delle isole di Aru, Kai e Balscicu davanti alla Nuova Guinea, dove veniva accettata da loro la sovranitá italiana (il Cerruti aveva anche preso possesso di alcuni settori della costa settentrionale ed occidentale nella Nuova Guinea in nome dell’ Italia). In particolare, col trattato firmato il 20 Dicembre 1869,  il sultano di Salawati aveva accettato la colonizzazione italiana contro uno stipendio di quattromila fiorini d’oro annui. Salawati oggi fa parte del paradiso marino delle isole di Rajah Ampat (= “i quattro re”) in Indonesia.

Non male per un trentenne di allora, con la limitatezza dei mezzi di allora, in confronto a quarantenni di oggi dotati di computer che non lasciano la casa della mamma ultrasettantenne!

Sull’affare di Borneo, il Ministro Cadorna da Londra riferiva, dopo un incontro con Lord Granville, al Ministro degli Esteri Visconti Venosta in data 3 gennaio 1872 (D.D.I., 2a Serie, Vol. III, n. 282):

«…il Governo Inglese, qualunque ne sia il motivo, non vede molto volontieri il nostro progetto di occupare una terra

George Leveson-Gower, conte di Granville, su una caricatura di VanityFair del 13 Marzo 1869

George Leveson-Gower, conte di Granville, su una caricatura di VanityFair del 13 Marzo 1869

nei grandi lontani mari per farvi uno stabilimento di deportazione. Ma l’opposizione non fu finora per sua parte aperta, sibbene indiretta, fatta caso per caso, senza ragionamenti e motivi; soprattutto non fu mai ostensivamente basata sopra considerazioni politiche…[da] questa lunga conversazione traspare una non celata riluttanza al nostro progetto, appoggiata a ragioni insussistenti, e non applicabili al caso, le quali (dette da Lord Granville uomo molto fino, e di molta intelligenza) danno il diritto di credere, che i veri motivi di questa riluttanza non si vogliono dire, e che non si vuole perché ragionevolmente non si può. Ora tutto ciò mi conferma nella presunzione che le difficoltà non sono nel caso particolare di Borneo, e che nol furono negli altri casi consimili che l’hanno preceduto; ma che hanno base in una ragione politica di carattere generale…».

Il timore di inimicarsi l’Inghilterra e l’Olanda fece fortunatamente fallire tutto. (Peccato per l’isola paradiso tropicale, oggi riconosciuta come uno dei biotipi tra i più unici nel Pianeta …!)

In ogni caso i Britannici, che avevano tutto l’interesse a sponsorizzare la monarchia sabauda da loro recentemente “promossa” ad elemento catalizzatore di un’Italia da usare come contrappeso alle influenze francesi ed austroungariche , durante l’assedio di Khartum diedero corpo all’idea di far occupare dagli Italiani le zone sulle coste del Mar Rosso che, abbandonate dagli egiziani, correvano il rischio di essere invase dalle truppe del Mahdi o di essere occupate dai francesi. In una conversazione del 20 ottobre 1884 fra Costantino Nigra e lord Granville fu posto per la prima volta al governo italiano il problema dell’occupazione di Massaua.  L’invito ufficiale ad intervenire, quasi a compensazione del rifiuto di occupare il Borneo, fu rivolto da Granville all’ambasciatore italiano Costantino Nigra il 21 dicembre 1884. Ad un lungo e difficile negoziato fra l’Italia, l’Inghilterra e l’Egitto, concluso solo nei primi giorni del febbraio 1885 fece seguito il 5 di quel mese l’arrivo delle regie navi Vespucci Gottardo al comando dell’ammiraglio Caimmi.

Dopo i preparativi e qualche incertezza, l’8 febbraio 1885, i bersaglieri entravano a Massaua tra le proteste della Turchia e i malumori dell’Austria e della Russia, come da piani inglesi; ma rafforzatasi la situazione italiana con il ritiro del presidio egiziano, Massaua divenne territorio italiano e come tale fu successivamente riconosciuto. L’Italia iniziava la sua politica coloniale, anche se non dal Borneo.

Chi se lo sarebbe aspettato, semplicemente andando in vacanza a Kuching, di scoprire tanti scheletri nell’armadio di un’Italia cosiddetta unita?

dal Borneo (segue, parte seconda)– di Giovanni LOMBARDO

Dal Borneo, parte prima

8 comments

  1. Un articolo che merita pubblicità, la giusta risposta a chi sostiene che il Mezzogiorno sia un problema per l’Italia e fa della sua arretratezza una colpa. Hai lo spirito dell’inquisitore e la penna dello storiografo: non ti chiudi in una sterile erudizione, ma sai fornire un quadro interessante della situazione italiana (o forse sarebbe più corretto definirla “sabauda”) nella seconda metà del 1800. Davvero complimenti, dovrebbero esporre questo articolo in una delle numerose mostre in occasione del centocinquantenario dell’unità nazionale!

  2. Interessante spaccato di un pezzo di storia Italiana che ne eravamo all’oscuro e che sicuramente non troveremo nei libri di storia.. Togliendo nomi e date sembrerebbe di leggere storia contemporanea dal dopo guerra ad oggi..Unita d’Italia – unita d’Europa,cambiano nomi e date ma la storia si ripete…

  3. ricevo da un amico che ha voluto restare anonimo il seguente commento:

    “Grazie dell’articolo (m’ero letto con piacere anche alcuni dei precedenti). Sono d’accordo anch’io che i metodi dei piemontesi nel Meridione furono barbarici, ma mi ha colpito il ritrovare anche nel tuo articolo
    la storia del sacco del sud, che da noi ultimamente circola parecchio.(…)
    Le poche industrie sopravvivevano grazie ai dazi, quindi non erano in grado di produrre vera ricchezza ed erano così deboli che dopo l’Unità furono subito sbranate dalla concorrenza dell’Italia settentrionale (che pure,
    rispetto al resto dell’Occidente, era sottosviluppata non poco). I capitali che pure c’erano, rapinati e accumulati nei secoli da una minuscola classe dirigente ignorante e feudale, a contatto con il capitalismo quasi avanzato fecero in gran parte una brutta fine. I piemontesi furono scioccati dal ritrovarsi una terra che assomigliava più al Nord Africa che all’Europa, e finirono per comportarsi da potenza coloniale.
    Leggende consolatorie come quella del sacco del Sud ci sono dovunque ci siano frustrazioni o umiliazioni o senso di inferiorità. Purtroppo oggi la usano anche per giustificare l’assistenzialismo al Sud.

  4. Spesso quando si parla di unità d’Italia nasce in noi un campanilistico sentimento di amor patrio che grida “Viva l’Italia!” e ci fa dimenticare come in realtà, in ogni guerra, perchè guerra è stata, ci siano molte storie dei vinti che i vincitori ricoprono di una pesante patina di omertà e bugie. Nel caso dell’unità d’Italia le storie da raccontare sarebbero tante, troppe. Come riassume bene l’articolo ci furono furti e catastrofi economiche, nonchè l’inizo del filone storico che vede il sud assoggettato e impoverito di fronte allo splendido nord costruito coi soldi del meridione. Per me è sempre un bene che l’Italia sia e rimanga unita, ma ringrazio quest’articolo per aver mostrato come la storia del nostro paese non sia tutta rose e fiori, ma l’intreccio di diversi sentieri che devono unirci nella diversità e nella VERITà

  5. Grazie x aver condiviso questo pezzetto di storia ” insaputa” visto che non credo proprio appaia nei nostri libri storici! Ho letto l’articolo con piacere…. Scritto con gusto e passione da chi anche se lontano ama ancora la propria terra. Complimenti !!

  6. un altro lettore che preferisce restare anonimo ha scritto:

    Grazie per l’ulteriore informazione , se puo’ interessarti questa storia , vedi il film IL GATTOPARDO e NOI CREDEVAMO

    Cordiali saluti

    Sono benvenuti i commenti.

  7. Non trovo foto del ventennio in cui Mussolini massacrava o trucidava con metodi stalisti e slavo-croati e poi metteva in mostra i cadaveri.
    Non riesco a trovarne una, parliamo ovviamente in tempo di pace perché in guerra tutti erano animali, forse qualcuno di più degli italiani.

Leave a comment

*