Dalla "Notte dei fuochi" alle minacce al Procuratore

Redazione Padova - 22 Dicembre 2011

Facciamo un gioco

Redazione Padova - 22 Dicembre 2011

Consulta stranieri, stasera il presidente. E non fate come noi, please

Redazione Padova - 22 Dicembre 2011
empty image
empty image

La bicicletta ce l’hanno: pare nuova di zecca, ben oliata. Però bisogna pedalare, più veloce, magari tutti insieme come fosse un tandem java 6 version. Stasera per i 16 rappresentanti degli extracomunitari padovani, la consulta eletta il 27 novembre  scorso, c’è un doppio, importante appuntamento Download Dobong-gu. Alle 18  saranno presentati ai “colleghi” del consiglio comunale. Alle 20 saranno davanti al sindaco Flavio Zanonato, per eleggere presidente e vicepresidente Legacy into the Future. Ovvero le due persone (se manca uno andrà l’altra, già, devono essere di genere e area geografica diversa) che potranno andare a parlare proprio in consiglio comunale chemdraw 다운로드.

Le note dolenti, però, sono proprio riguardo a quest’elezione Download Bikelash. Nonostante gli appelli all’unità, al momento su 16 eletti 10 si sono candidati a fare il presidente. Dopo due incontri informali fra loro, la cifra è rimasta sempre la stessa, 10 candidati 월-e 다운로드. Siccome il regolamento prevede tre votazioni a maggioranza assoluta (non si raggiungerà) e dalla quarta maggioranza semplice, si rischia di avere un presidente eletto con quattro voti 스마트폰으로 유튜브 다운로드. Un quarto della rappresentanza: troppo pochi diciamo noi. Insomma, l’invito è quello di mettere da parte le divisioni (erano anni che ambivo a dire tale banalità, da consumato politico) e trovare due, massimo tre candidati forti wonder woman subtitles. Perché il tutti contro tutti non fa fare bella figura a nessuno, soprattutto  a chi fa parte della consulta. Dimostrerebbe solo che la consulta (eletta da 3842 stranieri extracomunitari) ha già imparato troppo i vizi della politica, quella italiana fraps. Come diceva una scritta sul muro ormai famosa: cari stranieri, non lasciateci soli con gli italiani. Neanche voi, amici della consulta.

Enrico Albertini