Da dove vengono i soldi del Kuwait

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

storia-kuwaitCinquecento milioni dal Kuwait per rimpinguare il Fondo strategico della Cassa Depositi e prestiti. L’accordo siglato a Kuwait City da Enrico Letta è stato salutato dal governo italiano come un trionfo: ossigeno per le imprese italiane, ha detto il premier. Al di là della cifra (500 milioni possono sembrare tanti o pochi, a seconda della prospettiva – a noi non sembrano certo un granché), l’accordo ci offre l’opportunità per segnalare un libro di Stefano Beltrame, Storia del Kuwait (Aracne, 376 pagine, 25 euro), appena uscito – in edizione aggiornata. Dalla Guerra del Golfo alla rinascita di un emirato fondato sui petrodollari Storia del Kuwait ripercorre la storia di uno stato minuscolo che l’intervento del 1991 – che per la prima volta vide nel Dopoguerra l’Italia impegnata attivamente – portò alla ribala della cronaca e al centro della storia.

Il pregio maggiore del libro – scritto da un diplomatico (Beltrame è ora Consigliere Diplomatico del governatore del Veneto Zaia) – è quello di incardinare la storia del Kuwait in quella medio-orientale

Nonostante molta propaganda pre e post bellica, la guerra del Golfo non fu il profetizzato scontro di civiltà tra Islam ed Occidente. Al contrario, la guerra di liberazione del Kuwait fu in primo luogo e soprattutto una guerra tra Arabi

La storia dell’Emirato per Beltrame è un “caso diplomatico”

Passò dalla sfera d’influenza turca a quella inglese già al tempo del progetto ferroviario Berlino-Baghdad. Con la scoperta del petrolio e la nascita dell’Iraq il contesto cambia radicalmente. Nel secondo dopoguerra, l’intero Medio Oriente attraversa una fase di profonda instabilità, ma il Kuwait affronta le sfide della modernizzazione e dell’immigrazione di massa salvaguardando le sue tradizioni. Negli anni ’70 ed ’80 le turbolenze regionali lo investono e preludono all’invasione del 2 agosto 1990.

Stefano Beltrame. Laureato a Padova, dopo un’esperienza internazionale nel privato (Procter & Gamble e Johnson & Johnson), entra in diplomazia all’inizio degli anni ’90. Come diplomatico ha prestato servizio in Kuwait, Germania, Iran e Stati Uniti. Dal 2010 è . Biografo italiano di Mossadeq (Mossadeq. L’Iran, il petrolio, gli Stati Uniti e le radici della Rivoluzione Islamica, 2009), ha pubblicato la prima edizione di Storia del Kuwait nel 1999 e, La prima guerra del Golfo. Perché non fu presa Baghdad, nel 2003.

Ti potrebbe interessare

Visioni del Che
Visti da là
Presentazione del Libro
Corea del Nord segreta
Cartolina da Lisbona