Padova capitale del vintage fino a domenica 9 settembre

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

E’ un Vintage Future Festival che ha trovato una sua dinamica culturale quello che va in scena da venerdì 7 settembre a domenica al centro culturale San Gaetano. Se le prime edizioni erano state criticate e liquidate da chi non ci credeva come un mercatino di moda maschile e femminile, ora l’impronta innovativa dei seminari è indiscutibile. Arrivano nomi di primissimo livello come quello dell’ex direttore del Corriere della Sera Ferruccio De Bortoli e del fumettista, o meglio artista del tratto a china Milo Manara. Ci saranno le incursioni di Giuseppe Cruciani, conduttore radiofonico di grande successo ed i racconti immaginifici di Carlo Freccero, un autore televisivo che ha segnato un’epoca del costume italiano.

C’è la mostra ufficiale di Vasco Rossi, uno che a suo modo ha anche segnato il modo di vestire specie negli anni ’80 e ’90 con gioielli e accessori non sempre impeccabili, per la verità. Per appagare il bambino che in fondo è rimasto dentro ad ogni quarantenne c’è la mostra del retrogaming: i gioci elettronici prima dell’avvento delle grafiche 3D e delle schede compiuterizzate che permettono realtà alternative negli spara spara. E ancora un centro di registrazione analogico in perfetto stile anni ’80 quando la musica, per citare Barry Mason di Radio Padova, era “suonata a mano” per non parlare degli eventi “fuori mostra” come il Chic Nic ai Giardini dell’Arena o i concerti di Carmen Consoli e dj Spiller il 9 settembre, tutte previste dalle 22 nella piazzetta del Caffè Pedrocchi.

CONTENUTO SPONSORIZZATO.

Ti potrebbe interessare

Presentazione del Libro
Presentazione del Libro
Schio capitale del Freestyle
Visioni del Che
Padova, visita al palazzo del Bo