Lettera aperta di un fotografo derubato