La storia mai raccontata della Transilvania

Redazione - 18 novembre 2013

Come cercare lavoro a Londra

Redazione - 18 novembre 2013

De André, Fairuz e Rodrigo: tutti i legami di Caro Amore

Redazione - 18 novembre 2013
empty image
empty image

Oggi forse divagherò un po’ dai miei soliti articoli e abbandonerò le tradizioni medio orientali. Vi porterò, invece, in un breve viaggio musicale, alla scoperta di un brano che ha realmente fatto il giro di due continenti e sicuramente pochi di voi ne sono a conoscenza.

1s

La canzone in discussione è la famosissima “Caro Amore” di Fabrizio de André: una melodia che lego fortemente ai miei ricordi di infanzia.

Era nei momenti di malinconia dovuti alla distanza dalla sua terra, l’amata Italia, che mia madre intonava canzoni legate ai suoi ricordi e alle sue tradizioni, e ,in un epoca dove la comunicazione era costosissima ed internet era distante anni luce, gli unici strumenti che aveva a disposizione erano, oltre ai suoi ricordi ed alla sua cultura, quei pochi oggetti che aveva portato con sé.

“Caro Amore” era una delle più ‘gettonate’. Un evento buffo accadde il giorno in cui, mentre mia madre ce la cantava. La radio locale in medio oriente trasmetteva la stessa identica melodia, proponendo una canzone della famosissima Fairuz che si intitolava “Li Beirut”.

Il sentire la stessa canzone in due lingue diverse mi ha lasciato contemporaneamente incuriosita ed affascinata. Come era possibile che la stessa identica canzone fosse cantata in due lingue diverse in due posti così distanti? Che un cantante arabo potesse cantare una canzone di un cantante europeo? Entrambe le canzoni poi portavano lo stesso messaggio malinconico, anche se uno la dedicava al proprio amore, l’altra alla sua amata città, Beirut. Così mi sono cimentata in una ricerca, per svelare finalmente chi ha influenzato l’altro: son rimasta ancor più sorpresa quando ho scoperto che entrambi i cantanti sono stato influenzati dal movimento “Adagio del Concierto de Aranjuez” di Joaquín Rodrigo.

Joaquín Rodrigo nato a Sagunto, Valencia nel 22 novembre 1901, è stato un compositore e pianista spagnolo di grande spessore. La sua musica è considerata tra la più popolare del XX secolo. In particolare, il Concierto de Aranjuez è considerato uno dei pinnacoli della musica spagnola e del concerto repertorio chitarristico.
Niente da fare: la musica con le sue poche note riesce davvero a creare dei legami tra terre lontane, dove la parola fa fatica ad arrivare. Ecco che ritmo e melodia si trasformano in ponti interculturali tra popolazioni, unendoli in pace, sotto lo stesso cielo.

Fatima Abbadi

Leggi il blog di Fatima Abbadi

 

Leave a comment

*