Agnia ora ci sente

Redazione Padova - 4 aprile 2013

Insegnare italiano ai figli di immigrati in Svezia

Redazione Padova - 4 aprile 2013

"Le cose belle", Napoli vince in Marocco

Redazione Padova - 4 aprile 2013
empty image
empty image

MedFilm festival torna dal Marocco ancora una volta con un premio per il cinema italiano: “LE COSE BELLE” di Agostino FERRENTE e Giovanni PIPERNO, ha infatti vinto il Prix Azzeddine Meddour pour la Première Oeuvre al Festival Internazionale del Cinema Mediterraneo di Tétouan, manifestazione cinematografica marocchina gemellata con il MedFilm Festival di Roma.

“LE COSE BELLE” di Agostino Ferrente e Giovanni Piperno, alla sua prima presentazione all’estero, dopo una sosta forzata per la mancanza dei fondi necessari ad approntare la versione internazionale, e dopo l’ “adozione” di Ipotesi Cinema di Ermanno Olmi, che ha molto amato la pellicola tanto da decidere di patrocinarla, conquista il Premio Miglior Opera Prima in uno dei più importanti festival del Mediterraneo.

Proposto inizialmente per la sezione documentari, la direzione del festival ha invece preferito inserirlo nella competizione ufficiale, in compagnia di importanti titoli tra i quali film premiati nella scorsa edizione del Festival di Cannes. Promosso a “film” Le Cose Belle si è subito guadagnato il Premio riservato alle opere prime.

La giuria presieduta dalla produttrice Grazia Volpi e composta dal registamarocchino Majid R’chiche, l’attrice ivoriana Thérèse Taba, l’attore egiziano Fathi Abdelouahab e il regista spagnolo Isaki Lacuesta ha così motivato il premio:

< La speranza e il desiderio di riscatto in un racconto sfrontato e severo, e al tempo stesso tenero e toccante, che racconta, in una sapiente miscela tra documento sociale e struggente poesia, la forza speciale di un popolo, la sua intrinseca profondità e la sua disincantata autoironia. Il tutto con l’ambizioso e riuscito obiettivo di “fotografare” il tempo, mantenendo il precario equilibrio tra speranza, dolore, amore e nostalgia… delegando alla colonna sonora, bellissima, il compito di dipingere ciascuno di questi sentimenti >.

Il film racconta “quattro vite messe a confronto tra la Napoli della speranza del 1999 e quella immobilizzata di una dozzina di anni dopo, fotografando la fatica di diventare adulti di quattro ragazzi e la spietatezza del tempo che li aspetta al varco” come spiega un emozionato Agostino Ferrente nel corso della premiazione.

Primo Premio al SalinaDocFest e Riconoscimento Speciale al MedFilmfestival, “Le cose belle” è stato presentato alle Giornate degli Autori della Mostra di Venezia. La prossima proiezione del film alla presenza degli autori, è prevista mercoledi 10 aprile alle ore 19.30 a Roma, pressola Casa del Cinema nell’ambito della rassegna  IN QUESTO PAESE curata da Maurizio Di Rienzo.

Gli altri film italiani presentati al Festival di Tetouan sono stati: Tutti i santi giorni di Paolo Virzì, nella sezione Panorama e Cesare deve morire quale Omaggio a Paolo e Vittorio Taviani ed evento speciale di chiusura.

Dice la presidente GinellaVocca “Abbiamo fatto nuovamente centro, portando a casa anche quest’anno un premio importante, testimonianza della considerazione e dell’affetto che il Marocco ha verso il cinema italiano ed i suoi autori. In particolare sapevamo che la scelta del film Le Cose belle avrebbe colpito al cuore il pubblico marocchino, e più in generale il pubblico nordafricano presente al festival, pronto a ritrovarsi in una bellissima Napoli e a riconoscersi in una musica che, ascoltata lì, sembrava riunire in un’identità artistica comune i popoli del Mediterraneo”.

Il MEDFILMfestival – Cinema del Mediterraneo a Roma tornerà a giugno, dal 21 al 30, con un  ricco programma di film, anteprime, focus ed eventi speciali. In attesa della ormai prossima 19° edizione Ginella Vocca aggiunge ”Torniamo a Roma con tanta voglia di lavorare, come sempre, meglio di sempre, ma con una ormai evidente preoccupazione che deriva dall’assenza di interlocutori istituzionali certi. Allo stato attuale della produzione sappiamo di poter proporre un programma estremamente interessante e vario, speriamo di non doverci fermare”.

Leave a comment

*