Barcellona mi è costata un occhio. Intervista a Nicola Tanno

Redazione - 31 maggio 2012

“Let’s Discover Democracy in Different Countries” scambio in Turchia dal 24 al 30 giugno sul tema democrazia

Redazione - 31 maggio 2012

Tra Londra e il Veneto scelgo Cavendish e le Olimpiadi, quelle che noi abbiamo perso

Redazione - 31 maggio 2012
empty image
empty image

Cosa ne penso delle Olimpiadi di Londra 2012? Ve lo spiego tra un attimo. Prima vi parlo delle Olimpiadi che il mio Veneto ha perso e a quelle a cui non ha mai partecipato.

Sono in Italia da 15 giorni per ricerca e passare l’estate prima di ripartire a settembre. Cosa ho trovato? Un Veneto ripiegato su se stesso, pieno di 25-30enni che cercano di sbarcare il lunario facendo mille lavoretti. Mi sono chiesto dov’è il Veneto anabolizzato e muscolare di qualche anno fa? Oggi è fiacco e pessimista. Il mio Veneto le Olimpiadi le ha perse. Sono cresciuto negli Ottanta-Novanta e come si sa si cresce con i miti: il buon vino della Valpolicella, il tessile del vicentino, le partite iva del trevigiano, Cortina e Asiago e infine la terra dove sono nato, i terroni del Veneto, il sud, Chioggia e il Polesine dove anche le strade assolate d’estate profumano di sud.

Trasudano lombrosianamente di sud anche le loro genti, il loro dialetto. Si cresce con i miti e si diventa adulti con la realtà. Quale gara abbiamo perso? Abbiamo perso il match per l’evoluzione della nostra società. Tutto il benessere del Veneto motore dell’Italia si è trasformato in estetismo. E’ nato il Veneto dei suv e degli evasori, delle agenzie interinali (o inter-anali, passatemi il termine) diffuse, dell’evasione come diritto di sangue, perché qualcuno per 20 anni ci ha continuato a dire che eravamo un popolo e invece eravamo popolino. Vi siete mai chiesti perché nel dopoguerra negli sceneggiati i veneti erano raffigurati come “servi” e l’unica frase che gli mettevano in bocca era “paròn” o “servo vostro”? I veneti hanno perso la loro Olimpiade, sono rimasti contadini a metà. Imprenditori a metà. Marcel Proust disse: “Essere indulgenti verso gli altri, severi verso se stessi è un consiglio banale; nell’esistenza è la sola regola da seguire”. Critico il mio Veneto perché lo amo. Perché è la mia terra. E parto dal Veneto per spiegarvi perché Londra 2012 sarà un successo, comunque. Un giorno parlando con un collega inglese del mio dipartimento (di storia), parlavamo di nazioni, di vittorie e sconfitte e mi disse: “noi siamo l’Impero britannico e abbiamo vinto due guerre mondiali, noi abbiamo la regina, ti basta?”. E io ripensai molto a quella risposta che mi sembrava da sbruffone, poi mi feci due conti: noi, italiani, nelle due guerre abbiamo fatto i volta gabbana (due volte), abbiamo vinto una guerra (forse) e non ce lo hanno mai riconosciuto e il nostro monarca durante la guerra è scappato e ha abbandonato la capitale. Non siamo più una monarchia, ma una repubblica. E mi dissi, vuoi vedere che ha ragione lui?

Londra, ma l’Inghilterra in generale, è un’opportunità. Il paese dove molti italiani hanno trovato casa, orfani della propria nazione. Londra è multiculturalità, mentre noi in Veneto ancora ci chiediamo ancora se i terroristi islamici assomiglino o meno a Bin Laden. Quando un amico mi chiese: “ma ci sono terroristi (che noi in Veneto spesse volte identifichiamo con “el talebàn”) in Inghilterrà? Quelli con il turbante e la barba?”. Io non seppi rispondere. Quanti in Inghilterra hanno turbante e barba? Tanti.

Londra è il Chelsea, che batte super-Barcellona di Guardiola. Londra e l’Inghilterra hanno dato asilo ai migliori football manager italiani (Ancelotti, Capello, Mancini e Di Matteo e ti ci metto pure Zola e Di Canio). E noi? Siamo Petrucci e la combriccola romana, che per la stessa brama di estetismo che ha investito il Veneto voleva organizzare le Olimpiadi del 2020 a Roma e ai danni di Venezia. Lui presidente del CONI e pure sindaco di San Felice Circeo. Vi pare possibile? Anzi non vi pare incompatibile? E poi succede che il nostro calcio è marcio. Malato. Ce lo siamo giocato alla SNAI, Bet and win, Betclick e cip e ciop. Vi pare normale? Verrebbe da dire “ucci ucci sento odore di Petrucci”.

Invece, l’Inghilterra è Mark Cavendish, il Manx Missile, il campione del mondo di ciclismo che sfreccia in volata.

Insomma, un paese con la regina e che ha vinto due guerre mondiali può toppare alle Olimpiadi? Non lo so. Mi verrebbe da dire di no. E allora cosa può offrire Londra? Mi piace pensarla come Churchill: “Non ho altro da offrire che sangue, fatica, lacrime e sudore”. E’ un buon punto di partenza. E il mio Veneto? Ha perso le Olimpiadi.

Marco Tiozzo