Il pregiudizio anti-germanico e noi

Redazione - 9 agosto 2012

Il contrabbandiere di Coltan

Redazione - 9 agosto 2012

Ummi, mia madre: omaggio a Darwish nel quarto anniversario della morte

Redazione - 9 agosto 2012
empty image
empty image

“Ummi “ (mia madre) è un mio omaggio a Mahmoud Darwish (morto 4 anni fa, il 9 agosto 2008) e alle donne

Mentre mi trovavo a parlare con mia madre davanti ad un caffé caldo,durante una una delle tante conversazioni da cui spesso traggo consiglio e conforto, mi è tornata in mente una poesia straordinaria “Ummi” del grande poeta palestinese Mahmoud Darwish.

Spesso questa poesia è stata considerata come una metafora della Palestina, nonostante Mahmoud Darwish abbia sempre affermato di parlare semplicemente di sua madre. Allora ho pensato che mia madre,che tutte le madri fossero la metafora perfetta di questa poesia.

Fossero l’ancora di salvezza di una nazione, forti e coraggiose quanto una nazione che vuole affermare i propri diritti. Questa poesia rappresenta per me un inno dunque a tutte le madri del mondo per il loro ruolo straordinario e l’impegno nella vita sociale.

Con le mie foto ho sempre cercato di dare un piccolo omaggio alla donna e a questo grande poeta arabo scomparso spero grazie a loro di esserci riuscita.

Per mia Madre

Bramo il pane di mia madre

il caffé di mia madre

il tocco di mia madre

Cresce in me l’infanzia

giorno dopo giorno

ed amo la mia vita… perché

nell’ora della mia morte

mi vergogno delle lacrime di mia madre !

E se tornassi indietro un giorno

prendimi velo per tue ciglia

e copri le mie ossa con erba

benedetta dalla tua caviglia.

E stringi le mie catene

con un ricciolo dei tuoi capelli

con un filo penzolante dall’orlo del tuo vestito.

Forse diverrei un dio

un dio diverrei…

se toccassi le profondità del tuo cuore !

Se tornassi indietro … usami

combustibile nella fornace del tuo fuoco,

corda da panni sul tetto della tua casa,

perché divenni debole per stare in piedi

senza la tua preghiera giornaliera.

Diventai vecchio decrepito.

Restituiscimi le stelle dell’infanzia

così che io,

condivida con i piccoli uccelli

il percorso di ritorno

verso il nido della tua attesa.

Tante poesie di Mahmud Darwish sono state spesso riprese dal famoso cantante libanese Marcel Khalifeh che spesso ha collaborato assieme a lui, questa è “Ummi” suonata e cantata da lui.

Fatima Abbadi


Leave a comment

*