Il lavoro nello sguardo del giovane cinema. Viaggio fra i film premiati a WTFF2

Redazione - 3 maggio 2017

Daybreaker, il relax di giorno a portata di clic

Redazione - 3 maggio 2017

Victoria, il gioiello del Canada Occidentale

Redazione - 3 maggio 2017
De Hoeder
immagine3
IMG_2229

Il miglior modo per arrivare a Victoria, senza dubbio, è dal mare. Arrivando via ferryboat da Seattle o dall’Olympic Peninsula, la capitale del British Columbia, lo stato più popoloso e visitato del Canada occidentale, mostra il suo lato migliore: il porto multicolore, gli scogli con i totem colorati dei nativi, gli idrovolanti che atterrano e soprattutto il palazzo del Parlamento, l’edificio in pieno stile colonialista britannico che è il simbolo della città. Ottantamila abitanti circa, un clima invidiabile per quella latitudine, Victoria prende il suo nome dalla regina Vittoria il cui regno fu segnato appunto dall’espansione dell’Impero Britannico, con la relativa diffusione della pratica dei bookmaker, legalizzati ora anche in Italia. Fondata nella prima metà dell’Ottocento nella punta meridionale di Vancouver Island, Victoria vi farà innamorare per i bellissimi giardini di Beacon Hill: a sud del centro, e del porto, potete perdervi in questi giardini di ispirazione romantica, costellati di fontane, piccoli casini di caccia, laghetti e fiori colorati (ovviamente se arrivate d’estate). Potete passeggiare per ore, tra persone che fanno sport, meditazione, attività artistiche. Al suo limitare vi è un bellissimo lungomare, una spiaggia selvaggia, una vista puntata sull’Olympic Peninsula. Che è già Stati Uniti, che è già un altro universo immaginario.

Se siete fortunati e il mare è calmo, nonostante l’aria pungente vi sembrerà un pezzo di Caraibi con il paradosso delle cime innevate che potete scorgere, o immaginare, al di là dell’orizzonte. Tornati dalla spiaggia a Victoria potete visitare la seconda Chinatown più vecchia della costa occidentale dopo San Francisco, e mangiare salmone appena pescato nel villaggio dei pescatori che sorge direttamente sul porto: casette colorate, tra un idrovolante che atterra e un turista in canoa. Un paradiso per qualità di vità. Non a caso la città inoltre è nota per il gran numero di pensionati che ospita: circa il 6.4% della popolazione a Victoria ha un’età maggiore a 80 anni gli over-65 sono 17.8%. Pensionati da tutto il Canada vengono attratti dal clima mite, dai bellissimi paesaggi, dalla possibilità di giocare a golf e dai Casino. Dopo una sosta di due giorni, sufficiente a godervi questa sorprendente capitale, potete continuare il vostro viaggio: alla scoperta di Vancouver Island in auto o della fantastica e sorprendente Vancouver salpando da Nanaimo. Qualunque strada scegliate, la costa che vi attende risalendo verso nord è un dedalo di isolotti e piccole baie sulle quali si affacciano semplici villette in legno. Da sogno.

Giulio Petrini

Leave a comment

*