Grecia, I neonazisti distruggono il mercatino

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Felpe e magliette nere, teste rasate e bandiere della Grecia in pugno, le cui aste sono servite per distruggere le bancarelle di un mercatino multiculturale. Prima hanno accennato a chiedere il permesso di soggiorno al proprietario della bancarella, poi hanno distrutto tutto a calci e colpi di spranga.

La gente guardava incredula quella violenza, mentre il gruppo ti teste rasate ha proseguito la manifestazione lungo il mercatino come se niente fosse. Il video è stato pubblicato in Internet dai neonazisti di Alba dorata, nel sito del partito e ripreso dalla testata Rpn.

E’ accaduto durante i festeggiamenti per la festa religiosa della Vergine di tutti i santi a Rafina, sulla costa orientale greca. Il ministro degli Interni, Nikos Dendias, ha chiesto l’apertura di una inchiesta contro due deputati di Alba Dorata Giorgos Germenis e Panayiotis Iliopoulos, presenti alla manifestazione, che rischiano una incriminazione per danni e abuso di autorità oltre alla revoca dell’immunità paralmentare.

Ti potrebbe interessare