Praga e l'elaborazione del lutto di Havel

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Václav Havel – poeta, drammaturgo e intellettuale civile, nonché ultimo presidente della Cecoslovacchia e primo della Repubblica Ceca divisa (suo malgrado) – è morto e attraversando le strade di Praga si respira un’atmosfera sospesa. Eppure quello che colpisce non è un senso di commozione diffuso (sia pure in forma slava), ma piuttosto la capacità di elaborare il lutto come momento di riflessione. E questo passaggio sembra coinvolgere in maniera collettiva un popolo che ha nel Dna un individualismo drastico e, a tratti, esasperato”.

Il ricordo dell’ultimo presidente Cecoslovacco da parte di G.B. Marchetto: clicca qui per leggerlo. Come dice lo stesso autore, “quando però il peso di un intellettuale condiziona la storia di un Paese, vale la pena di estendere l’analisi”.

Ti potrebbe interessare

L'addio al re del country
L'X Factor del Sud Sudan
Il reality all'epoca del maso
Presentazione del Libro
Visioni del Che